Cronaca

Veleni interrati, sindaci compatti:“analisi complete, vogliamo conoscere i rischi”

UGENTO-  Capire la portata vera dell’inquinamento provocato dalla discarica di Burgesi. I sindaci di Ugento, Acquarica e Presicce si muovono compatti, affidandosi insieme allo stesso legale e chiedendo da subito la revisione dell’autorizzazione integrata ambientale rilasciata a Monteco nel maggio scorso.
Parlano di un cortocircuito nei dati ufficiali, un inquinamento finora non rilevato durante i monitoraggi. Certo, si penserà dopo ai danni anche di immagine. L’obiettivo è impedire quanto prima che il percolato, il liquido tossico prodotto dai rifiuti, possa entrare in falda e da lì disperdersi ovunque. Intanto, durante il Consiglio comunale del 30 dicembre, a Ugento, verrà chiesta l’istituzione di una commissione d’indagine apposita, come fu 15 anni fa, ma stavolta con più mezzi.

La paura è tanta. C’è chi abita qui vicino e ha già vissuto anche lo scempio del 2000, quando altri fusti gemelli di Pcb sono stati rinvenuti nei campi e vennero condannati in via definitiva i responsabili, tra cui lo stesso Rosafio.

Articoli correlati

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione

Notte di fuoco a Matino: incendiata una Fiat Bravo di un 47enne

Redazione

Violenza sessuale di gruppo, medico e viceprocuratore ai domiciliari

Redazione

Dai vigili del fuoco l’allarme al Prefetto: “mancano mezzi e personale”

Redazione