Cronaca

Uil: in Puglia alto tasso di lavoro irregolare o in nero

BARI- Lavoro irregolare o in nero, nel 2015 il Ministero del Lavoro ha effettuato in Puglia 15830 ispezioni (il 15,5% del totale delle aziende presenti sul territorio regionale), record assoluto a livello nazionale, ben 1700 in più della seconda classificata (la Lombardia) e 2300 in più della terza (Campania). L’incidenza regionale delle aziende ispezionate sul totale nazionale delle ispezioni vede, ovviamente, ancora la Puglia in testa con l’11,1%. La maggiore intensità nelle ispezioni si è registrata nel settore del terziario (oltre 8000), seguito dall’edilizia (circa 4000), dall’agricoltura e dall’industria.
Dall’attività ispettiva del Ministero è emerso che la Puglia è tra le regioni con il maggior tasso di incidenza di aziende irregolari sul totale di quelle ispezionate, nello specifico la quarta con il 64,4%, dietro Liguria (73), Marche (72) e Lazio (65), e la prima per incidenza delle aziende irregolari rispetto al totale nazionale delle irregolari (11,8%, davanti a Lombardia con il 9,9% e Campania con il 9,3%). Infine, in Puglia il Ministero del Lavoro ha individuato, sempre nel 2015, 7.022 lavoratori irregolari e 4.407 in nero, per un totale di incidenza del lavoro in nero del 62,8% su scala regionale.

“Sono dati che fanno riflettere – per il segretario generale della Uil Puglia, Aldo Pugliese – ma che non colgono affatto di sorpresa chi vive tutti i giorni la situazione drammatica del tessuto economico regionale”

Articoli correlati

Non si ferma all’alt: pericoloso inseguimento per 4 km nel centro di Francavilla

Redazione

Il Sindaco Miccoli: nessun bene di Riina nel mio Comune

Redazione

Muore dopo aspirazione dei muchi: indagati 9 medici ed un’infermiera

Redazione

Omicidio Trepuzzi: nessuna perizia psichiatrica sull’assassino

Redazione

Evade dai domiciliari: arrestato 36enne

Redazione

“Stay happy, stay alive”, Mingo in campo per la sicurezza stradale

Redazione