Cronaca

8 giorni di sciopero della fame: la battaglia di Pati contro Restinco e prigionie politiche

MARTANO- Cosa spinge uno stimato docente di liceo a indire, in pieno agosto, lo sciopero della fame? “Cosa crede di fare?” è la domanda degli scettici. Eppure, lui, Pati Luceri, da Martano, rivendica tutto il senso di una lotta maturata nel tempo: quella per la chiusura dei Centri di identificazione ed espulsione dei migranti, in primis quello di Restinco a Brindisi. E poi quella storica per la liberazione dei prigionieri politici curdi e palestinesi. 
Lo fa dal Salento, ma non è solo. Altri 300 in Palestina stanno facendo altrettanto. Lo incontriamo nella villa comunale di Martano, accanto al monumento che è inno alla libertà. Lo ha tappezzato di informazioni. Per far sapere. Con lui i compagni di sempre e il sindaco Fabio Tarantino, solidale e pronto a sottoscrivere un ordine del giorno per rendere anche istituzionale la portata della battaglia: ieri era per la chiusura del Regina Pacis di San Foca, oggi è per Restinco.

Ippazio Antonio Luceri insegna al Liceo scientifico Stampacchia di Tricase ed è molto noto anche come storico della Resistenza nel Salento. La morsa allo stomaco, dopo 8 giorni, si fa sentire. Lui, “Pati il ribelle”, non cede: nella mattinata di venerdì sarà in Piazza Sant’Oronzo, a Lecce, per portare questi temi nel cuore del Salento. 

Articoli correlati

Nuovo grido d’allarme dei commercianti di Settelacquare: no alimentari nei nuovi box

Redazione

Sorpreso nel sonno e rapinato, terrore per un anziano

Redazione

Calze contraffatte, maxi sequestro della finanza

Redazione

Concorso Asl truccato? Sindaco sospetta del primario, via al processo

Redazione

Bossoli di pistola recapitati in una busta al Dg dell’Asl Lecce Rodolfo Rollo

Redazione

Auto si ribalta e si schianta contro un palo: muore giovane meccanico

Redazione