Sport

Lecce, Pacilli: “Grande occasione per me”

LECCE- Rinforzi in attacco e operazioni in uscita: sarà questo il mercato del Lecce nei prossimi giorni. Il direttore sportivo giallorosso è alla ricerca soprattutto di un esterno offensivo destro. Sull’agenda di Meluso c’è il nome di Massimiliano Carlini, ex Frosinone. Carlini, svincolato dalal società ciociara , ha richieste anche da alcuni club di serie B. Meluso sta valutando pure Giuseppe Torromino, 28 anni, nella passata stagione al Crotone.
E pare che al Lecce piaccia pure Elio Calderini, 28 anni, che ha militato la stagione scorsa nel Catania. Una serie di ipotesi per rinforzare il reparto avanzato ha bisogno di essere sfoltito: in uscita Doumbia, il quale ha chiesto di essere ceduto. Anche Carrozza non rientra più nei piani della società. Il Lecce cerca anche un’alternativa a Caturano. Leonardo Perez, 26 anni, attaccante dell’Ascoli farebbe contento il tecnico Padalino, ma per il momento l’attaccante di Mesagne non si muoverà dal club marchigiano.

Nel ritiro di Cotronei in provincia Crotone la squadra continua a lavorare agli ordini del tecnico Padalino. In gruppo anche Mario Pacilli, esterno offensivo arrivato in giallorosso e proveniente dalla Cremonese. “Sono contentissimo di essere arrivato nel Lecce, per me questo trasferimento rappresenta una grande occasione perché mi permette di giocare in una piazza importante – ha detto Pacilli -. Ovviamente cercherò di fare bene per portare, assieme a tutti i miei compagni, il Lecce dove merita. A Lecce ho ritrovato Cosenza, per averci giocato assieme ad Avellino.

Sincerante l’impressione che ho avuto in questi primi giorni di ritiro è ottima – ha assicurato Pacilli -. Stiamo lavorando molto e bene per farci trovare pronti per le prime partite ufficiali. In questo periodo si gettano le basi per formare un gruppo e noi siamo sulla strada giusta – ha aggiunto il calciatore nativo de L’Aquila -. Siamo tutti dei bravi ragazzi e, da quello che vedo, posso assicurare che siamo tutti molto motivati”.

Pacilli parla pure della sua posizione in campo e dell’utilizzo che ne potrà fare Padalino. “Io sono un esterno d’attacco, mancino, e mi piace giocare a destra per poi rientrare sul mio piede naturale. Mi è capitato anche di essere stato utilizzato da seconda punta o da trequartista e anche da quarto di centrocampo. In carriera ho fatto tutti i ruoli del reparto avanzato, posso assicurare la mia massima disponibilità”. Pacilli è stato in passato avversario del Lecce. “Giocai al Via del Mare con il Trapani nella stagione 2012/13. La ricordo bene, vincemmo per 2 -1. Entrai nel secondo tempo, era una gara di cartello e rimasi ammirato dalla bellezza e dal pubblico del Via del Mare, che in quella occasione era molto numeroso. E’ stato molto bello giocare al Via del Mare, sebbene da avversario. Quel Trapani vinse il campionato, cosa serve per vincere? Di sicuro non basta solo una squadra forte, ma per tutta l’annata ogni componente deve andare nella giusta direzione, che è poi la stessa e serve anche un po’ di fortuna perché è determinante il alcune situazioni che ci possono essere nell’arco di una stagione”

Articoli correlati

Basket A2, Nicolai saluta HDL Nardò

Massimiliano Cassone

Lecce, allenatore e tre colpi in una settimana

Tonio De Giorgi

Brindisi Football Club come nel gioco dell’oca

Massimiliano Cassone

Superlega, grande attesa per la nuova Prisma Taranto

Massimiliano Cassone

Oggi inizia l’Europeo dell’Italia ma anche quello del Lecce

Massimiliano Cassone

Lecce, Morente lunedì sarà in città, martedì visite mediche

Massimiliano Cassone