Cronaca

Tenta il furto di un’auto, in manette il figlio del “padre” della Scu

PORTO SELVAGGIO- Da Mesagne a Lecce per rubare auto. È finito in manette ieri pomeriggio Angelo Rogoli, 44 anni della provincia di Brindisi, arrestato dagli agenti del commissariato di Nardò dopo aver tentato di rubare un’auto tra Serra Cicora e Porto Selvaggio.
L’uomo è entrato in azione alle 15 del pomeriggio nel parcheggio a ridosso del mare. Ha tentato di scassinare una Fiat 500 nuovo modello, è stato anche notato da alcuni bagnanti che hanno provato a fermarlo.

Sono stati gli agenti del commissariato di Nardò ad arrivare sul posto e a bloccare l’uomo che tentava di fuggire tra le dune. Il 44enne, di professione meccanico, è il figlio di Pino Rogoli, considerato il fondatore della Scu salentina negli anni 80. Attualmente il boss è detenuto e sta scontando tre ergastoli.

ROGOLI Angelo occhi coperti

Articoli correlati

Dai vigili del fuoco l’allarme al Prefetto: “mancano mezzi e personale”

Redazione

L’allarme dell’Antimafia: “Boom di droghe sintetiche e turismo sorvegliato speciale”

Erica Fiore

Spaccio e boss che “dominano” dietro le sbarre: DIA, il primo report del 2023

Erica Fiore

Rissa all’esterno della discoteca: 5 denunce

Redazione

Taranto, sparatoria Tramontone: la svolta

Redazione

Perder il controllo della propria auto e distrugge il “Cristo in Croce”

Redazione