Cronaca

Polizia penitenziaria in agitazione, Osapp: ”Mezzi obsoleti, personale insufficiente”

LECCE- Polizia penitenziaria in stato di agitazione, dopo una riunione leccese con i vertici regionali Osapp. Gli agenti criticano i silenzi del dottor Martone, dirigente generale degli istituti penitenziari pugliesi. Per mesi hanno chiesto interventi incisivi, ma non è cambiato nulla. Il sindacato inviterà anche le altre sigle ad aderire alla protesta. I disagi per gli operatori penitenziari crescono: il personale non è quello previsto dalla legge e i mezzi sono ormai da rottamare.

A Lecce mancano 250 unità, i mezzi sono stati riparati, ma sono obsoleti: hanno più di 500 mila chilometri e per alcuni pullman non è possibile trovare nemmeno i pezzi di ricambio, perché sono obsoleti. “Arriverà l’estate e non riusciremo più a garantire le ferie” – spiega il segretario provinciale di Lecce Ruggiero Damato. Il carcere leccese, secondo il sindacato Osapp, è un posto insicuro: il sistema di videosorveglianza non è ancora a regime (non è quella prevista e funziona solo per metà istituto) e ci sono problemi di sorveglianza anche per le trasferte. Insomma, gli stessi problemi di sempre, che l’amministrazione centrale sembra non riuscire a risolvere perché scarseggiano le risorse.

Articoli correlati

Dai vigili del fuoco l’allarme al Prefetto: “mancano mezzi e personale”

Redazione

L’allarme dell’Antimafia: “Boom di droghe sintetiche e turismo sorvegliato speciale”

Erica Fiore

Spaccio e boss che “dominano” dietro le sbarre: DIA, il primo report del 2023

Erica Fiore

Rissa all’esterno della discoteca: 5 denunce

Redazione

Taranto, sparatoria Tramontone: la svolta

Redazione

Perder il controllo della propria auto e distrugge il “Cristo in Croce”

Redazione