Cronaca

Continuano le polemiche sulla gestione e trasparenza di Poste italiane

FRIGOLE- La gestione del personale delle Poste Italiane sta creando disagi sia ai cittadini, che lamentano gravi disservizi nel recapito postale, sia ai dipendenti, che denunciano poca trasparenza e comportamenti anti sindacali da parte della società partecipata.

Alcuni consiglieri di Forza Italia hanno invitato la Regione ad occuparsi della questione, contattando i vertici nazionali delle Poste “al fine di avere lumi e ripristinare un clima di opportuna serenità tra i lavoratori pugliesi”. Le criticità maggiori riguardano le province di Taranto e Brindisi: i sindacati riferiscono di un braccio di ferro continuo tra organizzazioni sindacali e società: quest’ultima tenta periodicamente di trasferire i dipendenti in altre Province e fino ad oggi non ci è riuscita proprio per le mobilitazioni sindacali avvenute. Oltre al tentativo di trasferimento coatto dei lavoratori, la società è sotto accusa perché non avrebbe rispettato gli standard di trasparenza sui criteri di assegnazione dei premi annuali dei dipendenti, assegni ad personam ed elargizioni una tantum. La questione, tra l’altro, è finita anche nel mirino di alcuni parlamentari che hanno presentato interrogazioni al governo nazionale. C’è preoccupazione per il futuro dei dipendenti.

A questo si aggiunge anche la vicenda di Frigole. La marina leccese è abbandonata d’inverno: qualcuno ha deciso nel 2012 che un nutrito numero di residenti leccesi non ha diritto all’ufficio postale. Il presidente del consiglio Comunale, Dino Pagliaro, è intenzionato a portare avanti la battaglia per la riapertura fino al Tar: la sua mozione sarà discussa nel prossimo Consiglio Comunale. In passato il Consiglio di Stato ha fatto riaprire l’ufficio postale di Avigliano in Basilicata. A settembre scorso è stata inviata una petizione, che contava 800 firme, contro la chiusura dell’ufficio leccese, appellandosi alla costituzione ma, ad oggi, nulla si è mosso. O meglio: Poste italiane ha risposto picche. Stesso copione quando ci si è rivolti all’Agcom. Quella di rivolgersi ai giudici amministrativi sembra la strada più veloce per ottenere il risultato sperato.

Articoli correlati

Una proposta di legge che promuova il “Salento ideale”

Redazione

Noemi, probabile morte per emorragia cerebrale: due tagli anche sul collo

Redazione

In carcere dopo la condanna per omicidio: uccise l’amante con 87 coltellate

Redazione

Pesta moglie davanti al figlio, arrestato 42enne

Redazione

“Solo un neo”, ma era un tumore: 8 medici a giudizio per la morte di una 29enne

Redazione

Il maltempo annega Squinzano: bomba d’acqua mette in ginocchio il paese

Redazione