Cronaca

Reati fiscali, inchiesta milanese sugli indiani che vogliono l’Ilva

TARANTO- Reati fiscali, chiusa l’inchiesta milanese sugli indiani che vogliono comprare Ilva.

Dopo oltre due anni di indagini il Procuratore Aggiunto di Milano Francesco Greco ha notificato l’avviso di deposito degli atti ai vertici di ArcelorMittal in Lussemburgo, sede principale della multinazionale franco-indiana, e della sua divisione italiana, contestando loro il reato di “omessa dichiarazione”.

Per il magistrato  ArcelorMittal – candidato ad acquisire l’Ilva con il gruppo Marcegaglia – avrebbe evaso il fisco per 129 milioni di euro, versandone 31 all’erario a titolo di transazione.

Intanto i gruppi siderurgici di Arcelor Mittal (franco indiano) e di Jindal (indiano) potrebbero presentare al ministero per lo Sviluppo economico un’offerta per l’Ilva compresa tra i 400 e i 500 milioni di dollari (pari a 314-392 milioni di euro).

Articoli correlati

Sparatoria a Brindisi, a Lido Risorgimento, due feriti

Andrea Contaldi

Salve, scontro sulla via per il mare. Tre feriti, due in codice rosso

Redazione

Taurisano, botte al fratello e alla madre. Arrestato 39enne

Redazione

Ingegnere sconosciuto al fisco: non dichiarati 280mila euro

Redazione

Lei lo lascia, lui s’impicca: la tragedia a Surbo

Redazione

Trepuzzi, accoltellamento in strada: arrestato 30enne

Erica Fiore