Cronaca

Marò, l’India annuncia: “No a legge antiterrorismo, ma il caso è nostro”

NEW DELHI-Udienza rinviata al 7 marzo.  Il procuratore generale indiano G.E. Vahanvati ha presentato l’opinione del governo sul caso dei marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre in cui si esclude il ricorso al Sua Act per la repressione della pirateria. Il documento sostiene però che i capi d’accusa saranno presentati dalla polizia Nia, l’unità antiterrorismo, che ha svolto le indagini. La difesa si è opposta a quest’ultima ipotesi e il giudice ha fissato una nuova udienza tra due settimane.

Articoli correlati

Folgorato da una scarica elettrica, grave 38enne

Redazione

“La donna non si tocca neanche con un dito!”, il MRS femminile scende in campo con una giornata “no stop” radiofonica e televisiva

Redazione

Metrobus per terra e mare, per arrivare in Aeroporto

Redazione

Polizia Ferroviaria ritrova 50enne scomparso

Redazione

Casarano, incubo finito: torna a casa l’anziano scomparso

Redazione

Antiracket, nuovo sportello per il Consorzio

Redazione