Cronaca

Ecco le reti a prova di meduse, targate Università del Salento

LECCE- Saranno le aree marine siciliane a sperimentare per prime in Italia delle reti ‘a prova di meduse’, un progetto targato anche Università del Salento. Grazie al progetto europeo Medjellyrisk, saranno installate in Italia, Spagna, Malta e Tunisia, creando delle zone protette per i bagnanti. 

”Lunghe fra i 50 e 100 metri, le reti sono rimovibili e non hanno un impatto sulla fauna marina” spiega il docente di biologia all’Universita’ del Salento e coordinatore del progetto, Stefano Piraino. ”A Lampedusa, Favignana, Ustica, isole Eolie e nel Golfo di Castellamare (Trapani), abbiamo gia’ avuto i permessi per fare dei test quest’anno, a settembre. L’anno prossimo le reti saranno pronte dall’inizio della stagione balneare” afferma Piraino.

”Negli ultimi tre anni, nel Salento, oltre 1.700 persone sono andate al pronto soccorso” afferma il coordinatore. ”Per il servizio sanitario nazionale ciascun codice bianco, cioe’ la categoria di pronto soccorso di minore entita’, costa 226 euro, quindi l’impatto potenziale e’ di milioni di euro di spesa” spiega Piraino.

Articoli correlati

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Furti nei bar, in casa e per strada: arrestato ladro seriale

Redazione

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione