Cronaca

7 giudizi pendenti ogni 100 abitanti: la svolta necessaria della mediazione

LECCE  –  Confindustria Lecce, in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati, l’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili e della Camera di Commercio di Lecce, ha organizzato, ieri, presso l’Hotel President a Lecce, il convegno ‘La mediazione, una risoluzione alternativa delle controversie civili e commerciali: quali vantaggi per le imprese?’.

 Il convegno è stato anche l’occasione per riflettere sull’attuale condizione della giustizia italiana, i cui tempi molto spesso non sono compatibili con quelli dell’impresa e dell’economia.

Tante professionalità eccezionali di cui dispone il sistema giudiziario, non sono messe nelle condizioni di poter operare celermente assicurando al Paese quella efficienza e quella efficacia che, oggi,  appaiono indispensabili per la ripresa della competitività.

Come ribadito nel corso dell’Assemblea nazionale dal Presidente Squinzi, infatti, 5 milioni di cause civili in giacenza, più di 1.000 giorni per far valere un contratto davanti a un giudice, una media di 7 giudizi pendenti ogni 100 abitanti, nonchè un rating negativo sulla qualità della giustizia, sono macigni che pesano sulla via della ripresa.

Articoli correlati

Lodo Leadri, 25 milioni di euro restano al Comune di Lecce

Redazione

Vantaggiato conferma la bomba a Parato e parla di ‘associazione di truffe’

Redazione

SS 275, “Rotatoria al posto del semaforo”: parte la petizione per Anas

Redazione

La ‘galassia Laforgia’ tra aziende, Ateneo, Regione e Comune

Redazione

Statale 16, auto contromano. Pattuglia Polstrada evita il peggio

Redazione

Gallipoli: asfalto sui basolati del centro storico, lo sdegno dei cittadini

Redazione