Cronaca

Autopsia sull’imprenditore di Gallipoli, morto per le botte

GALLIPOLI (LE)  –  Non v’è dubbio che a causare la morte di Giovanni Mauro, l’imprenditore 68enne di Gallipoli, che il 19 settembre scorso è stato aggredito, pestato a sangue e rapinato sia stato il trauma cranico.

A stabilirlo è stata l’autopsia condotta nel pomeriggio dal medico legale Roberto Vaglio.

Per capirne di più, il consulente della Procura dovrà valutare il contenuto delle cartelle mediche che  a breve  saranno acquisite dal investigatori dal reparto di Rianimazione del ‘Vito Fazzi’ e dalla clinica ‘Villa Verde’, dove la vittima era stata trasferita dai primi di dicembre.

Al momento l’unica indagata è una donna sulla quarantina, del posto, difesa dall’avvocato Pompeo Demitri e finita nei guai anche per via di alcune contraddizioni emerse nel corso degli interrogatori condotti dagli investigatori. L’accusa ipotizzata ora dal sostituto procuratore Massimiliano Carducci è quella di omicidio volontario.  

Articoli correlati

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Furti nei bar, in casa e per strada: arrestato ladro seriale

Redazione

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione