Cronaca

La furia omicida di un leccese d’adozione morto in un conflitto a fuoco

LECCE  –  La Polizia di Milano sta cercando ancora il movente della furia che si è scatenata nel 73enne Vittorio Tonini, morto durante un conflitto a fuoco con gli uomini in divisa nel capoluogo lombardo. L’uomo, milanese d’origine, ha vissuto per anni nella Marina leccese di S. Cataldo, dove risulta ancora residente.

La sera di venerdì ha raggiunto, a bordo del furgone in cui pare vivesse, un garage ed ha sparato all’impazzata ferendo il titolare dell’autorimessa. Sul posto è intervenuta la Polizia che a sua volta, ha sparato, uccidendo Tonini.

Il ferito è ricoverato in gravi condizioni. Solo se e quando sarà in grado di parlare, potrebbe essere l’unico a fornire una spiegazione plausibile a quanto accaduto.

Articoli correlati

Furti e rapine, nel bottino anche armi

Redazione

Sannicola: recuperata pistola in un giardino, è mistero

Redazione

Pioggia, agricoltura in ginocchio. Cia Puglia: “Subito la conta dei danni”

Redazione

Csm insicuri e fuori legge. Il report del Tdm inchioda la Asl

Redazione

Si infilano nell’auto, lui rifiuta il sesso a pagamento e lo derubano: arrestate due nigeriane

Redazione

“Deputati e senatori dove siete?”: lavoratori Alba Service bloccano la città per salvare il proprio futuro

Redazione