Economia

IMU a Palazzo Carafa: un tesoro da 38 milioni e mezzo

LECCEVariazione di assestamento al bilancio di previsione 2012-2014. L’IMU porta nelle casse del Comune di Lecce oltre 38 milioni di euro. In aumento, rispetto alle previsioni, l’incasso sulla prima casa (+ 1 milione e 600 mila euro), in diminuzione quello sulla seconda e terza casa e vecchia ICI( -3 milioni di euro).
La previsione iniziale era di oltre 41 milioni di euro, ma in bilancio reali ci saranno comunque oltre 38 milioni di euro.
In Commissione Bilancio, tuttavia, non si è fatto altro che prendere atto di una tassa non condivisa da Palazzo Carafa, ma imposta dal Governo centrale.
A relazionare l’ordine del giorno che approderà in Consiglio lunedì, l’Assessore al ramo, Attilio Monosi.
A contestare aspramente l’imposta e chiedere che per il futuro si agisca per difendere la prima casa, il Consigliere del PDL Pierpaolo Signore che ha proposto di andare a Roma ad incatenarsi. Il Capogruppo di ‘Lecce città del mondo’, Antonio Lamosa ha glissato: “Vadano i Parlamentari salentini che sono in zona”.
La questione si preannuncia calda e non mancherà lo scontro in Assise.

Articoli correlati

Frecciarossa, Gabellone: “Credo in buona fede Emiliano ma intervenga subito”

Redazione

Province nel limbo, anticipata riunione dell’Upi al 15 gennaio

Redazione

Poco sicuri, treni Sud Est bloccati senza preavviso caos e passeggeri infuriati

Redazione

Restauro di santuari e cattedrali, 2 milioni di euro per Santa Croce

Redazione

Nuovo corso per la Bcc Terra d’Otranto: Paolo Fedele pronto a prendere le redini

Redazione

Neanche un leccese tra i Comuni ricicloni, in 7 invece tra “gli indifferenti”

Redazione