Economia

Il 118 punta il dito sui lidi: “servono bagnini addestrati”

LECCE – Nessuna carenza nei soccorsi del 118: piuttosto, siano i lidi privati a dotarsi di bagnini addestrati per i salvataggi in mare. È direttamente Maurizio Scardia, responsabile per la asl di Lecce del servizio di soccorso d’emergenza, a difendersi e ad attaccare ad un tempo. Un intervento che arriva dopo l’ennesimo annegamento sulle spiagge salentine, quello avvenuto sabato pomeriggio a Torre Chianca nel quale ha perso la vita la 15enne di Surbo Giulia Colucci. Erano stati i bagnanti che avevano assistito alla tragedia a puntare il dito su un presunto ritardo dei soccorsi, con un’ambulanza arrivata sul posto con gli operatori ma senza medico e una seconda ambulanza arrivata a distanza di venti minuti, questa sì con un medico a bordo. Una procedura assolutamente corretta – assicura Scardia.

E se da un lato il responsabile del 118 difende l’operato della sua struttura e dei suoi uomini, è sugli stabilimenti privati che scardia punta il dito. I lidi sono – o dovrebbero essere – i primi presìdi di salvamento in caso di malori in acqua o difficoltà in mare: ciò che manca – a parere del dirigente sanitario – è però uno specifico addestramento dei loro bagnini.

Parole che di sicuro non cadranno nel vuoto e non mancheranno di suscitare qualche polemica. Inevitabile, nel dibattito che la tragica conta dei decessi in spiaggia di questi giorni sta imponendo al Salento.

Articoli correlati

Sanitaservice, Usb: “Tavolo vero o scenderemo di nuovo in piazza”

Redazione

Liste d’attesa, mozione-provocazione: “Asl tassate per prestazioni fuori tempo”

Redazione

Incarichi ad esterni invece che ad Alba Service? Il Prefetto incontrerà Gabellone

Redazione

Gasdotto TAP, il fronte del dissenso si spacca

Redazione

Codacons, Adoc, Adusbef: “Estimi, va in scena l’approssimazione”

Redazione

Apertura Corso Garibaldi, gli ambientalisti: “Il Sindaco ci ripensi”

Redazione