Cronaca

Vapori di ammoniaca nell’aria oltre la norma, sequestro preventivo per la ‘Peritas’

BRINDISI – Emissioni di vapori di ammoniaca in atmosfera e scattano i sigilli alla ‘Peritas’. Il sequestro preventivo arriva ad opera degli agenti Corpo forestale dello Stato su richiesta del Pm Antonio Costantini  accolta dal Gip Maurizio Saso. I sigilli in seguito all’inchiesta aperta qualche settimana fa dal Procuratore Antonio Costantini  che ha portato anche all’emissione di una informazione di garanzia nei confronti del titolare per reati di natura ambientale.

Il sequestro sarebbe stato disposto dalla Procura della Repubblica di Brindisi per quanto attiene la questione relativa alle emissioni del ciclo di produzione e la mancanza di un camino di sei metri che sarebbe servito all’abbattimento degli agenti inquinanti. L’azienda fondata dall’imprenditore Ferrero Cafaro fu inaugurata nel marzo 2007. La ‘Peritas’ dà lavoro ad una decina di dipendenti e produce una miscela di acqua e ammoniaca che fornisce all’Enel e ad altre aziende per l’alimentazione dei denitrificatori.

L’ammoniaca al 100% della sua concentrazione viene diluita con acqua fino a raggiungere la concentrazione del 25%. Le  uniche emissioni in atmosfera avvengono attraverso una struttura deputata allo ‘strippaggio’ dei vapori ammoniacali in cui viene abbattuta ogni forma di agente inquinante. Proprio questa sarebbe finita sotto la lente della Forestale che più volte avrebbe registrato livelli di vapori di ammoniaca superiori di migliaia di volte al limite consentito. Al momento sotto sequestro sarebbe finita solo una parte dell’impianto, ma la produzione sarebbe temporaneamente bloccata. L’azienda, qualche settimana fa era finita sotto la lente della Procura per essere sprovvista del certificato di agibilità che doveva essere rilasciato dagli uffici comunali prima ancora di entrare in produzione. Senza il certificato di agibilità del Comune, l’azienda non avrebbe mai potuto iniziare la produzione.  Il certificato in questione era stato ironia della sorte rilasciato proprio qualche ora prima del sequestro.

Articoli correlati

Pasqua sicura, si intensificano i controlli nel Brindisino

Redazione

Arrestato latitante tarantino, rintracciato a Napoli. Era ricercato dal 2022

Paolo Franza

“Troppo amianto nella marina”, urge bonifica

Redazione

Rabbia Filanto, risposte solo sulla carta. Operai allo stremo

Redazione

Brindisi, scritte offensive contro candidati: indagini in corso

Redazione

Corigliano, il paese da copertina sfregiato dall’eolico

Redazione