Attualità

Dieci bus in deposito “fermati” dal Ministero, svista della SGM?

LECCE – Dieci bus del servizio di trasporto urbano della SGM fermi da poco più di una settimana nel deposito di via Merine della società in house del comune di Lecce. Si tratta dei Mercedes euro tre acquistati appena qualche anno addietro in Marocco, ripristinati di tutto punto perché usati, e messi in servizio per coprire le tratte cittadine. I mezzi, come si vede dalle immagini che stanno scorrendo sono allineati nel deposito, essendo stati ritirati dal servizio giornaliero. C’è da premettere che con apposita legge del 2021 emanata dal ministero delle infrastrutture viene fatto divieto di circolazione in tutto il territorio nazionale di veicoli a motore adibiti a trasporto pubblico, alimentati a benzina o gasolio con caratteristiche antinquinamento euro tre a partire dal primo gennaio 2024. E fin qui tutto chiaro. Ma viene fatta comunque un’eccezione. Entro il 15 novembre del 2023 poteva essere inviata al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti una comunicazione per chiedere l’esonero dal divieto di circolazione con l’elenco dei mezzi con caratteristiche antinquinamento Euro 3 adibiti al trasporto pubblico al fine di consentire la continuità e la regolarità del servizio. Nell’elenco inviato da tutte le regione al Ministero, compreso quello della regione Puglia, non risultano però inseriti i dieci bus urbani di Sgm e che adesso sono inspiegabilmente fermi nel deposito di via Merine.

Articoli correlati

Vivi la magia del carnevale 2024 con Telerama

Redazione

“Confindustria sotto le stelle”: 12 mila euro a Cuore Amico

Redazione

Cup Fazzi, la Asl: attese fisiologiche

Redazione

Lecce, nuovo Pug “chiaro e inclusivo evitando gli errori del passato”

Redazione

Castronuovo: chiusura parrucchieri e centri estetici, un passo indietro

Redazione

Bomba d’acqua: Giugno si apre con l’effetto sorpresa

Redazione