Attualità

Carcere di Lecce: mancano infermieri, scatta l’emergenza

LECCE – Scatta l’emergenza nel carcere di Lecce. Troppo pochi gli infermieri per gestire dal punto di vista sanitario l’intera struttura penitenziaria. A far scattare l’allarme è l’organizzazione sindacale Fsi-Usae Lecc. Eppure il caso era già stato portato all’attenzione dei vertici sanitari. Solleciti e segnalazioni cadute miseramente nel vuoto. “La situazione è diventata critica – spiega il segretario regionale Francesco Perrone – a seguito della comunicazione regionale di autorizzazione del nuovo piano assunzionale senza l’aggiornamento e l’integrazione dei servizi di sanità penitenziaria attraverso il completamento dei Piani di fabbisogno triennali”.

C’è bisogno – fanno sapere dal sindacato – di reclutare almeno 12 infermieri, ma attualmente il personale infermieristico è nettamente al di sotto degli standard stabiliti dalla Regione Puglia.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti. “Le carenze di personale – denuncia Perrone – non solo creano un sovraccarico di lavoro per i professionisti già presenti, ma mettono a rischio la sicurezza e la qualità dell’assistenza ai detenuti. In particolare, diventa difficile fornire un adeguato servizio assistenziale per i detenuti che richiedono cure mediche, terapie, e supporto psicologico”. Di conseguenza il l ricorso al lavoro straordinario e cambio turni per colmare le carenze di organico è ormai una prassi comune, ma – avverte il sindacato – non può essere una soluzione a lungo termine”.

Una situazione che rischia di diventare esplosiva per via del “crescente sovraffollamento della Casa Circondariale di Lecce e dalla crescente riduzione del personale sanitario e sociosanitario”. “Le persone recluse necessitano di cure mediche, terapie psicologiche e supporto per problemi di dipendenza, autolesionismo e prevenzione del suicidio”. Di qui la richiesta urgente di Fsi Usae di reclutamento del personale infermieristico per affrontare questa emergenza. In mancanza di una risposta concreta sono pronti a intraprendere azioni di lotta per tutelare i diritti dei lavoratori e garantire l’assistenza necessaria ai detenuti.

 

Articoli correlati

Tutti a scuola, finalmente! Dal 2 ottobre attivi tutti i servizi per studenti diversamente abili

Redazione

Trivelle, stop solo per 18 mesi (e non per tre anni)

Redazione

Centro storico di Lucugnano sommerso dall’acqua. Basolato fatto male?

Redazione

La fuga di mamme e bambini: ristoratori di Galatone accolgono due famiglie ucraine

Redazione

Lecce, dipendente Lupiae positiva al Covid: chiude l’Ufficio Ambiente

Redazione

Darsena, Nuzzaci: polemica strumentale. Noi da sempre al lavoro per risolvere i problemi dei pescatori

Redazione