Sport

Calabro e il mal di trasferta: nessuna spiegazione ma una serie di motivi

Tranne la parentesi aperta e chiusa con la vittoria ad Avellino, la Virtus Francavilla seppur giochi un buon calcio non riesce ad incidere in trasferta, ed è un dato di fatto, è un numero che non può essere opinabile. Contro il Taranto ha perduto per uno a zero una gara che sembrava ormai incanalata verso il pari, poi una leggerezza difensiva e un grande movimento di Tommasini hanno cambiato le sorti della gara e gli imperiali sono usciti dal campo senza nulla in tasca.

Mister Calabro, nella sala stampa tarantina, al termine della partita di domenica, alla domanda di quale possa essere la spiegazione di questo scarso rendimento lontano dalla Nuovarreda Arena non ha una risposta ben precisa, i motivi possono essere tanti, ma adesso bisogna concentrarsi al prossimo turno:

“Non c’è una spiegazione, quando qualcosa non va bene, non c’è mai solo un motivo ma devi andare sempre trovare più motivi che sommati ti dicono che quest’anno fuori casa purtroppo abbiamo sicuramente un problema di dimensioni del terreno di gioco; così come ci avvantaggia in casa ci può svantaggiare fuori casa, però nella partita col Taranto la sensazione di poterla perdere non c’è mai stata e non solo in questa partita ma anche in altre, poi io farei una divisione tra girone di andata e di ritorno. Nel girone di andata oltre a ante situazioni ed altre difficoltà non avevamo nemmeno un mancino a sinistra e una volta riequilibrato ciò. la squadra ha 3 o 4 punti in più rispetto al girone di andata. Domenica abbiamo la possibilità con il Monopoli di riprenderci ciò che abbiamo perso.

Purtroppo anche un punto che oggi sembrava scontato è quel piccolo mattone che sommato ad altri ti fa avere quei 4 o 5 punti in più che fanno la differenza”

Articoli correlati

Serie C, il Brindisi in piena emergenza fa visita al Giugliano

Redazione

Taranto, vincere e sperare

Redazione

Ciolo giallorosso… ed è festa ultras

Redazione

Brindisi, astinenza finita: Campania battuto 1-0

Redazione

Giacomazzi, cuore a metà nella partita delle emozioni

Mario Vecchio

Pacilli: “Abbiamo un’identità di gioco”

Redazione