Attualità

Buche ovunque, tempi duri per gli automobilisti leccesi

LECCE – “Sì viaggiare, evitando le buche più dure…”. L’invito di Lucio Battisti rischia di cadere nel vuoto. Eh sì, perché a Lecce evitare le buche è un’impresa. Sono tante e disseminate un po’ ovunque. Piccoli crateri che si aprono all’improvviso davanti agli occhi dell’ignaro automobilista, a volte distratto, a volte inerme. Il risultato è lo stesso.

Le sorprese non finiscono mai. Situazione preoccupante nelle strade alle spalle del  Tribunale.

Stesso scenario in altre zone della città. Un pericolo per gli automobilisti e per i pedoni. Periferia o centro cambia poco. Un paio di giorni fa un signore è caduto in via 95° Reggimento Fanteria, a un centinaio di metri dalla centralissima piazza Mazzini. Colpa di una buca profonda 30 centimetri.

Insomma, in attesa di progetti di riqualificazione di intere arterie cittadine, urgono rattoppi. Fatti bene, però. Altrimenti oltre al danno si rischia la beffa con nuove risorse da investire per intervenire su lavori stradali effettuati in maniera approssimativa. Come accaduto in via Leuca dove i tecnici comunali sono stati costretti a riposizionare l’asfalto, precedente posato in maniera approssimativa.

Intanto a Palazzo Carafa continuano a piovere richieste di risarcimento danni. Ma la pacchia è finita per chi prova a fare il furbo. Non sempre, infatti, vengono accolte dai giudici. Anzi, l’orientamento sembra essere quello del concorso di colpa tra Comune e cittadini.

 

 

 

 

LA REPLICA DELL’ASSESSORE NUZZACI:

 

 

“Questa amministrazione comunale è quella che più è intervenuta sul tema del rifacimento del manto stradale in città, essendo riuscita a reperire finanziamenti per circa 12 milioni di euro. Grazie ai diversi lotti di interventi di rifacimento strade per la mitigazione del rischio idrogeologico sono già stati completati lavori per due milioni di euro. Sono state rifatte le principali strade in zona Casermette, Ferrovia e Rudiae, rifatta la Lecce-Arnesano, Via Monteroni, via Condò, Via Lequile, Viale Grassi, è in corso il rifacimento del basolato nelle vie del centro storico Via Alvino, Via Verdi, via delle Sinagoga, Via dei Mocenigo. È stato totalmente rifatto il manto stradale nelle arterie principali di Borgo Pace. Sono in partenza di lavori di rifacimento strade nell’area a nord ovest della città, con il rifacimento tra le altre delle strade di Santa Rosa e San Pio, Borgo San Nicola, Salesiani e ulteriori interventi su Viale Grassi oltre a quelli già eseguiti.

Recentemente si è chiuso il cantiere che ha portato al rifacimento integrale dell’asfalto, degli attraversamenti, delle aiuole e della pista ciclabile di Viale San Giovanni Paolo II. Sono in corso i lavori su Piazzale Pisa, Via Alessandria, nel quartiere Stadio. E sono in programma ulteriori lavori che porteranno a intervenire in tutti i quadranti della città, dal centro ai quartieri.

Non si comprende dunque come sia possibile partire, nel servizio andato in onda, dall’assunto che Lecce sia ovunque piena di buche, senza citare il lavoro svolto su arterie fondamentali della città, i finanziamenti ottenuti e i cantieri in programma. Un’ultima precisazione, come comunicato venerdì 10 marzo, il cedimento del manto stradale in Via Leuca, angolo di Via Pordenone è dovuto alla rottura di un pozzetto di fognatura bianca che ha dilavato il sottofondo stradale provocando il cedimento, nell’ambito dei lavori Enel. Il settore Lavori Pubblici è intervenuto per la messa in sicurezza dell’area ed Enel ha già provveduto alla sistemazione della strada; pertanto, le immagini andate in onda sono superate e non risponde al vero che il cedimento sia dovuto a ripristini mal eseguiti”.

 

Articoli correlati

“Follow me!” Il volontariato al tempo dei social

Andrea Contaldi

Punto d’incontro tra le aziende e la base logistica dell’Onu

Andrea Contaldi

Ex ospedale Poggiardo: Pagliaro: “Criticità irrisolte dopo 14 mesi da mia ispezione”

Redazione

Maturità 2024, oggi la prima prova: studenti soddisfatti

Elisabetta Paladini

Salento in bus: riparte il servizio

Antonio Greco

Lupiae Servizi, la dura replica di Pagliaro dopo l’attacco di Salvemini

Sergio Costa