Attualità

Un appuntamento al buio “senza barriere”

LECCE- Si è tenuto il 15 Febbraio l’appuntamento al buio inserito nella rassegna “Sex and the Museum” all’interno del Museo Castromediano. Tale iniziativa è nata nel 2020 come evento culturale in cui vengono trattati temi riguardanti la sessualità, ma affrontati con uno sguardo all’arte esistente, a cura di una sessuologa e di uno storico dell’arte.  La presenza di persone con disabilità motoria e sensoriale all’ evento è stata fortemente voluta dall’ organizzazione di volontariato Piacere per tutti, che si pone tra i suoi obiettivi quello di garantire a tutti la partecipazione attiva ad eventi già esistenti sul territorio ma ribaltando la visione della disabilità da costo a risorsa. Ciò è stato fatto rimuovendo l’ostacolo della mobilità e dei costi aggiuntivi per il trasporto attrezzato e per l’accompagnatore attraverso un servizio navetta ad hoc gratuito a carico dell’odv. Inoltre attraverso la collaborazione con il coworking Artem è stato possibile garantire anche la quota gratuita allo stesso accompagnatore. Il biglietto d’ingresso è stato uguale per tutti e ora si replica il prossimo 8 marzo.

L’attività rientra nel progetto “Amicizia e sessualità senza tabù” che Piacere per tutti ha avviato a gennaio 2023 con il sostegno di il “Sorriso di Pierandrea odv”, e grazie al cuore grande di tanti donatori e sostenitori. Il progetto è composto da diverse attività dove gruppi di persone con e senza disabilità si  confrontano su temi inerenti  la sessualità e le relazioni.

“Il mio sogno da ragazza 32enne, che convive con una disabilità neuromotoria dalla nascita, è sempre stato quello di parlare di sessualità e relazioni tra persone con interessi e difficoltà simili anche se per motivi differenti. Perché NON SIAMO un mondo a parte, MA SIAMO una parte del mondo. Con le nostre caratteristiche e le nostre peculiarità. Infatti il periodo della pandemia ci ha insegnato quanto le relazioni siano vitali per tutti gli esseri umani a prescindere dalla condizione, ma non è sempre facile relazionarsi all’altro“, dichiara Serena Grasso presidentessa dell’organizzazione di volontariato “Piacere per tutti”.

“C’era chi mi diceva –continua- che era impossibile fare una cosa del genere, che ci sarebbero state troppe discrepanze tra persone con disabilitá e non, ma nei primi  2 incontri di progetto che abbiamo realizzato eravamo talmente presi dalla discussione che abbiamo anche dimenticato di scattare la foto per il post social di rito.  Sarà stata colpa delle discrepanze! E vi invito a partecipare l’ 8 marzo al Sex and museum e il 10 marzo e il 14 aprile all’aperitivo “Per un amico in più” presso il bar Coffyness: l’aperitivo più incisivo del Salento aperto a chiunque ha voglia di conoscere gente nuova e condividere esperienze con altre persone”.

Articoli correlati

Necessario un tavolo di confronto per affrontare la crisi

Andrea Contaldi

Balzo in avanti del trasporto pubblico durante il G7

Mimmo Consales

Terme di Santa Cesarea,pronto l’accordo: al Comune le quote della Regione. Con un “ma”

Mary Tota

Giornalista di Telerama aggredito, la solidarietà di Saverio Congedo

Redazione

La festa dei Lampioni pronta ad “illuminare” Calimera

Antonio Greco

Terme di Santa Cesarea, l’affondo dei sindacati: “Mancano investimenti e programmazione”

Redazione