Attualità

Liste d’attesa, “Non se ne può più”. Ecco come difendersi

LECCE – SPI, il sindacato dei pensionati della Cgil, ha voluto dare il via dall’esterno dell’Ex Vito Fazzi, a un tour per sollecitare una soluzione alle liste d’attesa. “Non se ne può più”, così si chiama l’iniziativa che, fino al 12 di ottobre, toccherà tutti gli ospedali e presidi sanitari della provincia di Lecce.
Si vogliono aiutare i cittadini a pretendere la tutela del diritto alla salute.

“Gli anziani e i cittadini meno abbienti che non possono permettersi prestazioni a pagamento si vedono di fatto negato” dice la segretaria Cosi.

“Informano tutti su quel che prevede la legge in tema di liste d’attesa. Il medico di base o lo specialista per le prime visite e le prime prestazioni devono sempre indicare sulla richiesta una classe di priorità alle quali la norma assegna un tempo massimo di attesa. Eccole codice per codice: U entro massimo 3 giorni, B entro massimo 10 giorni, D entro massimo 30 giorni per le visite e 60 giorni per gli esami diagnostici, P entro 120 giorni. Nel caso di ricoveri programmati invece le previsioni sono le seguenti: A entro 30 giorni, B entro 60 giorni, C entro 180 giorni, D senza un’attesa massima definita. “In alcuni casi ai pazienti non viene assegnata alcuna data, negando di fatto un diritto costituzionalmente garantito”, spiega la sindacalista. “La legge va rispettata. Sospendere o addirittura chiudere le liste d’attesa è illegittimo. Cittadine e cittadini devono pretendere di avere una data certa per le proprie cure”. Per ogni violazione di questo diritto è possibile avviare una contestazione in forma scritta.

Il calendario.

Lo Spi Lecce consegnerà il materiale divulgativo seguendo questo calendario (dalle ore 9.30 alle 12.30):

martedì 4 ottobre Ex Fazzi (p.tta Bottazzi) di Lecce

mercoledì 5 ottobre Ferrari di Casarano

giovedì 6 ottobre Sacro Cuore di Gesù di Gallipoli

venerdì 7 ottobre Sambiasi di Nardò

lunedì 10 ottobre Panico di Tricase

martedì 11 ottobre Santa Caterina Novella di Galatina

mercoledì 12 ottobre Delli Ponti di Scorrano

Articoli correlati

Il sindacato studentesco: “I soldi ci sono, le borse di studio ancora no”

Isabel Tramacere

Disabili, pensione di cittadinanza da 500 euro a 40 euro: “Una vergogna”

Redazione

Ludopatia, in 5 anni mai applicata la legge per contrastarla

Redazione

Solidarietà in panetteria, l’annuncio: “regalo pane a chi non può acquistarlo”

Redazione

Impianti di rifiuti “minimi”: il Tar di Milano boccia il sistema Puglia

Redazione

Nuovo piano sosta, altolà da due gruppi di maggioranza

Redazione