Attualità

Protesta magistrati: 60% di astensione a Lecce, Brindisi e Taranto

Il 60% dei magistrati del distretto di Lecce, Brindisi e Taranto ha aderito alla giornata di astensione organizzata dall’Anm, l’Associazione Nazionale Magistrati contro la riforma giustizia, in vista del passaggio in Senato. Anche Anm di Lecce si è mobilitata per far sentire la propria voce che, sperano i magistrati, possa essere ascoltata dal legislatore.

La Giunta del distretto presieduta da Vincenzo Scardia ha ritenuto positivo il risultato. “Chi non aderito all’astensione lo ha fatto perché contrario alla modalità, non ai contenuti-hanno sottolineato i magistrati di Lecce, Brindisi e Taranto- la riforma della giustizia che sarà votata è cambiata nel corso degli anni, affronta la questione della lunghezza del processo affondando la qualità, a scapito dei cittadini: ogni processo ha i suoi tempi, solo così si possono garantire verità e giustizia”.

Il problema, dicono i magistrati, si affronta non trasformando gli uffici in un’azienda, ma ampliando l’organico. E’ come se il legislatore ci dicesse: fate provvedimenti, purché ci siano.

E poi: a cosa serve un magistrato costantemente preoccupato di procedimenti disciplinari e pagelline?

“Con l’approvazione della riforma la figura del magistrato cambierà radicalmente in contrasto con quello che prevede la Costituzione, non potrà giudicare serenamente. Non scioperiamo per protestare ma per essere ascoltati”.

Articoli correlati

Case popolari e voti: rinvio a giudizio per gli indagati. L’8 aprile al via il processo

Redazione

Case inondate dalle polveri ai Tamburi, più vicino il risarcimento

Redazione

Metalmeccanica: cala la produzione e aumenta la cassa integrazione

Redazione

Ferragosto: nel settore turistico mancano all’appello 255 lavoratori

Redazione

Acqua sporca a Gallipoli, dopo le segnalazioni avviati accertamenti

Redazione

Amministrative, confronti a Open: questa sera Galatone, il 7 giugno Galatina

Redazione