Attualità

Insediamento Intel, Amati: “Solo Brindisi ha i 300 ettari necessari. Come si fa a candidare Bari e Lecce?”

PUGLIA – “Ci siamo candidati a ospitare un insediamento industriale della Intel, finalizzato alla realizzazione di una fabbrica per il confezionamento di microchip, per un investimento pari a undici miliardi di euro e una disponibilità di circa mille posti di lavoro -interviene così il presidente della Commissione regionale Bilancio e programmazione, Fabiano Amati- A fronte della necessità di insediare l’investimento in un’area di 300 ettari, non edificata e priva di necessità di bonifica, mi risulta che la Regione stia indicando un’alternativa localizzativa, non meglio precisata, tra Bari e Lecce. Non sono, com’è noto, un campanilista. Però mi chiedo: come si fa a candidarsi per ospitare l’insediamento Intel, cosa buona, indicando aree non meglio specificate di Bari e Lecce, se nella realtà pugliese l’unica area di 300 ettari liberi da edificazione e con un aeroporto e un porto confinanti, si trova nell’Asi di Brindisi?” Per questo preannuncia un’audizione.

Articoli correlati

Necessario un tavolo di confronto per affrontare la crisi

Andrea Contaldi

Balzo in avanti del trasporto pubblico durante il G7

Mimmo Consales

Terme di Santa Cesarea,pronto l’accordo: al Comune le quote della Regione. Con un “ma”

Mary Tota

Giornalista di Telerama aggredito, la solidarietà di Saverio Congedo

Redazione

La festa dei Lampioni pronta ad “illuminare” Calimera

Antonio Greco

Terme di Santa Cesarea, l’affondo dei sindacati: “Mancano investimenti e programmazione”

Redazione