CronacaEvidenza

Colpo al distributore self service, ma sui soldi scoppia l’inchiostro antifurto

NARDÒ – Hanno usato un flessibile per aprire la colonnina in cui si introducono le banconote per fare rifornimento self service. Ma i ladri che, nella notte intorno alle 2,00, hanno “colpito” l’area di servizio “Tamoil” alla periferia di Nardò, sulla provinciale per Avetrana, non avevano fatto i conti con il sistema di sicurezza della “mazzetta civetta”. È l’antifurto che “traccia” i soldi rubati. Tra le banconote c’è una piccola capsula contenente inchiostro che esplode e macchia tutto il denaro, rendendolo immediatamente riconoscibile e, dunque, più o meno tracciabile. La banda sarebbe arrivata nell’area del distributore di carburanti in auto e non ha comunque desistito, portando via la cassa contenete il denaro.

Sul furto indagano i carabinieri della Compagnia di Gallipoli, a caccia dei responsabili utilizzando anche le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona.

Articoli correlati

Rapina violenta in casa di un’anziana: una condanna e un’assoluzione

Redazione

Lecce, truffa da 67 milioni di euro con i Superbonus 110. Dodici indagati

Mario Vecchio

La Puglia potrà contare su sei europarlamentari: ecco chi sono

Erica Fiore

Lecce, le ipotesi di composizione del Consiglio comunale

Erica Fiore

Cocaina in camera da letto, arrestato un 43enne

Redazione

Azzannata da un cane di grossa taglia, non ce l’ha fatta la donna di 98anni

Redazione