Attualità

Telerama sempre vicina ai tespettatori: trasmetterà ogni giorno la Santa Messa

LECCE – Non si può uscire di casa, non si può nemmeno andare a Messa. E questo lo sappiamo ormai bene tutti. Ma i mezzi di informazione che hanno il compito, ora più che mai, di divulgare, informare, di esserci, sanno fare anche molto di più. Stringersi, idealmente e da lontano, una mano e pensare ad alleviare la sofferenza, la preoccupazione e il disagio di chi almeno quella messa avrebbe voluto ascoltarla. Ora, forse, più che mai.

E allora, TeleRama e PortaLecce la celebrazione eucaristica la portano in ognuna delle vostre case.

L’accordo tra l’editore di Telerama Paolo Pagliaro, il direttore di PortaLecce, Vincenzo Paticchio, ha avuto la benezione del Vescovo mons. Seccia che ha scelto la nostra emittente.

Ma è anche grazie alla collaborazione preziosa e indispensabile di don Antonio Murrone, direttore dell’Ufficio diocesano per le comunicazioni, che ha coordinato il tutto, i nostri telespettatori potranno vivere quel momento così importante. Unendosi, facendo squadra e comunità, è possibile da parte dei media svolgere un ruolo essenziale, soprattutto in un momento di così grande emergenza. Come da hashtag lanciato anche da PortaLecce #Insiemenonostante.

A partire da oggi, ogni giorno e sino almeno al 3 aprile – anche oltre se ci dovessero essere proroghe da parte del Governo – alle 17,30 su Telerama e PortaLecce sarà trasmesso il rosario e alle 18 la Santa Messa in diretta dalla cappella del Seminario.

Perché, ora più che mai, uniti ce la faremo.

Articoli correlati

Si è spento l’avvocato Roberto Marra. Il cordoglio di Telerama alla famiglia

Redazione

Voragine nel soffitto e crepe sul balcone, Arca Sud non risponde

Mario Vecchio

Puglia prima in Italia per la qualità del suo mare: il 99,7 per cento è eccellente

Barbara Magnani

Villaggio Marugi, condomini senza luce per 8 ore: disagi e diffide

Redazione

Formazione e tirocini internazionali, protocollo tra Its e rete degli ostelli

Barbara Magnani

Ballottaggio: ecco come si vota

Elisabetta Paladini