AmbienteAttualità

Impianto sperimentale amianto a Cavallino: Provincia accelera, Arpa frena

CAVALLINO- I quattro Comuni di San Donato, San Cesario, Lequile e Lizzanello hanno provato di nuovo a chiedere un rinvio delle decisioni, in attesa di una pronuncia di merito del Tar, ma la Provincia di Lecce stavolta non ha accolto la loro richiesta. E dunque va avanti spedita la conferenza dei servizi che servirà a decidere se rilasciare o meno il disco verde per mettere in moto l’impianto sperimentale di trattamento dell’amianto con il siero del latte, a Cavallino.

Il progetto, com’è noto, è della società Project Resource Asbestos Srl, rappresentata da Pino Calò, e fa parte del gruppo di imprese che gestisce anche l’impianto di biostabilizzazione e la ex discarica di Cavallino.

Dopo che il Ministero dell’Ambiente ha escluso la sottoposizione a Valutazione d’impatto ambientale per l’impianto, i quattro Comuni confinanti hanno presentato ricorso: l’11 settembre scorso, il Tar ha negato la sospensiva ritenendo che non ci sia al momento un pericolo grave e imminente in quanto impianto non è ancora attivo e manca ancora l’autorizzazione unica, cioè il lasciapassare per il quale è in corso la conferenza dei servizi che è tornata a riunirsi in mattinata. I quattro sindaci contenstano però proprio il fatto che siano stati invertiti i processi: sarebbe stato necessario, secondo loro, prima autorizzare e poi costruire l’impianto, che invece già esiste ed è fermo.

A tirare un freno, durante l’incontro in via Botti, è stata l’Arpa, che ha chiesto integrazioni al progetto in ordine ad alcuni punti relativi a controllo emissioni, frantumazione dell’amianto per il rischio di dispersione fibre all’ingresso dell’impianto e gestione del rifiuto finale. Presenti in mattinata anche una delegazione dei medici Isde e il Comitato per la salvaguardia del territorio di Cavallino e Castromediano.

Tanti i dubbi sul tavolo, a fronte di un progetto appunto sperimentale. Riguardano sicuramente la certezza sulla presenza di emissioni nell’aria, ma anche la localizzazione, in una zona già gravata da problemi ambientali molto seri.

 

T.C.

Articoli correlati

Task force su lavoratori ex Ilva in AS. USB: “Accolte le nostre richieste”

Redazione

Eolico in mare, Odra chiede la concessione demaniale

Redazione

Riprendono i lavori sulla SS 172, sopralluogo di Assessore e Consiglieri

Redazione

Mercati, riapre via Bari. Piazza Libertini, appesa al nodo stalli, riparte domani

Redazione

Dopo l’ennesima accensione della torcia del Petrolchimico Brindisi si interroga

Redazione

Dad, Quinto: non si può invocare il Tar a sproposito

Redazione