Attualità

Ex discarica d’Aurio, il nodo controlli

LECCE- “Siamo in un’estrema periferia degradata, nonostante i bei percorsi cicloturistici nei paraggi”: il consigliere comunale Michele Giordano lancia l’appello affinché dalla giunta comunale si faccia chiarezza sulla discarica interrata e quella a cielo aperto in contrada D’Aurio, sulla strada di Torre Chianca, ai confini con Surbo.

“Una discarica Saspi che versa nell’abbandono – dice – con la guaina nera che dovrebbe contenere il percolato bruciata e un impianto fotovoltaico finanziato con i fondi pubblici abbandonato e vandalizzato”.

“Nessuno controlla i pozzi di monitoraggio e vicino all’impianto c’è ancora puzza di gas. Cosa sta succedendo in questa zona di Lecce? Chi controlla oggi? La guaina nera bruciata non dovrebbe essere ripristinata?”. È a questi interrogativi che si chiede di dare risposta.

Articoli correlati

Francesco Pastore: così insegniamo ai bambini a salvare i bambini

Redazione

Il “regalo” di Capodanno: il Ministero di Di Maio dà l’ok a ricerche petrolio nello Ionio

Redazione

Superiori, rientro a scuola: Regione al bivio

Redazione

Giornata mondiale delle vittime della strada: la Polizia Stradale di Lecce ha incontrato gli alunni di Maglie

Redazione

Cittadini esasperati: “Una discarica pericolosa in via Montone, chi è incaricato al controllo intervenga”

Redazione

Grande interesse a Brindisi per l’iniziativa dell’Ance sulle opportunità delle Zes

Redazione