Attualità

Il Natale in Pediatria si festeggia con la “Ludo Barella”

LECCE- Per i bambini andare in barella sarà un gioco. Si chiama “Ludo Barella” ed è l’ultima donazione, in ordine di tempo, fatta dall’Associazione “Cuore e mani aperte verso chi soffre – Onlus” al reparto di Pediatria dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. E’ il regalo fatto ai bambini dall’Associazione presieduta da don Gianni Mattia, cappellano del “Fazzi”, e dai leccesi attraverso il 5xmille e i singoli contributi di privati. «E’ un bellissimo regalo di Natale – ha sottolineato il Direttore Generale ASL Lecce, Silvana Melli – perché ci ricorda quanto sia importante aver cura dei bambini che per un periodo diventano pazienti del nostro Ospedale: attraverso piccole o grandi attenzioni come queste rendiamo il passaggio in reparto meno traumatico, più caldo e accogliente, in una parola più umano. Per questo siamo profondamente impegnati nei percorsi di miglioramento dell’umanizzazione delle strutture ospedaliere e delle cure, poiché riteniamo che l’umanizzazione non sia “filosofia” ma un progetto concreto e misurabile capace di ricadute tangibili nel rapporto tra paziente e medico e tra paziente e struttura sanitaria. In più – ha aggiunto Melli – tocchiamo con mano quanto sia fondamentale la collaborazione tra il volontariato, che è una miniera di risorse umane, e una Sanità pubblica in grado di dialogare con associazioni, gruppi e persone in un rapporto reciprocamente arricchente».

«L’Associazione – ha detto il presidente don Gianni Mattia – si è prodigata per questa nuova donazione perché intendiamo alleviare la sofferenza dei piccoli pazienti. Lo facciamo da anni con la clownterapia, con numerose donazioni, come la colorazione della risonanza magnetica della neuroradiologia, che dall’ottobre 2016 è divenuta un sottomarino. Ora i piccoli che dal reparto verranno accompagnati a eseguire l’esame, lo faranno a bordo della barella a forma di barca, per raggiungere poi il sottomarino».

Un dono che, assieme alle cure dei sanitari, aiuta i bambini a vivere serenamente la permanenza in reparto e, nello stesso tempo, rafforza il rapporto tra Ospedale e comunità, come confermato da Franco Russo, vicepresidente dell’Associazione e responsabile della Bimbulanza, l’Ambulanza pediatrica che dal Salento trasporta gratuitamente i piccoli verso i maggiori Centri d’eccellenza d’Italia: «A maggio – ha ricordato – abbiamo donato un ecografo pediatrico all’UTIN del Fazzi. Ma ciò che più importa è la fiducia della Comunità, che resta la nostra forza più grande: a tutti va il nostro sincero grazie».

 

Articoli correlati

Dehors sul lungomare: altro sì del Consiglio di Stato

Redazione

La battaglia per salvare il legno d’ulivo, tra pdl e arte

Redazione

Codice contratti pubblici, primo incontro su “Le basi fondative”

Redazione

Dopo ferragosto, scatta l’emergenza sangue: al via le raccolte straordinarie

Redazione

Sanità a Brindisi – I problemi vanno ben oltre il Pronto Soccorso…

Redazione

Esami di maturità, è il giorno della terza prova

Redazione