AmbienteAttualità

Xylella, fermato l’abbattimento di 50 ulivi a Oria

BARI – A presentare ricorso erano stati in quattro: perchè gli ulivi che la Regione Puglia ha ritenuto intaccati dal batterio xylella instistono sui loro terreni a Oria. Oggi con un’ordinanza il Tar di Bari si è pronunciato confermando la sospensiva del provvedimento di abbattimento di quegli ulivi, circa 50, fino al prossimo 17 ottobre. Data questa per la quale è fissata la discussione di merito, a seguito della quale arriverà la sentenza.

Il ricorso presentato dai 4 proprietari terrieri, tutti difesi dall’Avvocato Michele Macrì, è contro la Regione Puglia: è a quest’ultima che il Tribunale, avallando le richieste dei ricorrenti, ordina di fornire un’integrazione di documentazione a sostegno dell’ipotesi sulla presenza del batterio.

Stando alle determinazioni del Dirigente dell’Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia, gli ulivi in questione devono essere estirpani visti gli esiti positivi delle analisi di conferma della presenza di Xylella fastidiosa sui campioni vegetali prelevati. I proprietari dei terreni però non ci stanno: chiedono delucidazioni sui prelievi effettuati a loro insaputa, chiedono di vederci chiaro e il Tribunale con l’ordinanza odierna dà seguito alle richieste.

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Rientrata l’allerta tsunami. Ma saremmo preparati?

Redazione

Copertura vaccinale anti Covid, Puglia prima regione italiana

Redazione

Preghiera, datteri e Zakat per la festa di fine Ramadan: “conoscenza è integrazione”

Redazione

Siti contaminati Taranto: esposto in Procura di Rosa D’Amato

Redazione

Bilancio in rosso di 30milioni, Salvemini: “No aumento tasse”

Redazione

S.Oronzo, gli esercenti: Sarà una festa “spenta”. Sì a più navette e bagni chimici

Redazione