CronacaPolitica

Presidio Leadri: domenica a “pane e acqua”

MAGLIE-LEUCA- Quel presidio fisso annunciato agli inizi di agosto sulla 275 loro non lo hanno mai abbandonato. Le lettere di licenziamento sono ormai quasi al completo, ne mancherebbero circa 5 o 6 raccontano.

Dormono in tenda e non c’ è temperatura che invogli neanche lontanamente ad una battuta d’arresto della propria battaglia. Il fine settimana vorrebbero poter portare i figli  al mare, ma la spensieratezza è un lusso che adesso proprio non possono permettersi.

Così la famiglia li raggiunge sul posto, ad improvvisare un pranzo con quello che è rimasto in casa: una frisella al pomodoro, “oggi possiamo permetterci questo- raccontano- domani non sappiamo”.

Nessun aggiornamento da parte di anas, un’ unica certezza: quei fondi destinati alla maglie-leuca sono ancora bloccati e in attesa da anni. Come in attesa restano loro, con una possibilità che è un macigno: indire una nuova gara d’ appalto significherebbe altri anni, burocrazia e tempistiche dei ricorsi, il tutto in quella grande voragine che potrebbe essere risucchiata da un’ eventuale concorrente in gara.

Articoli correlati

Taranto, anziana rapinata e aggredita

Redazione

“Nessun abuso dei giudici che condannarono Fitto”. Fascicolo archiviato

Redazione

Terme Spa Santa Cesarea, MRS: Situazione imbarazzante, nessun dialogo con la Regione. Speriamo che si sblocchi

Redazione

SP 72. Vasto incendio di macchia mediterranea: canadair in azione

Redazione

Scontro tra latitante e carabinieri: un arresto e un ricercato

Redazione

Gabellone: “Sorpreso dal clamore mediatico su Baldassarre”

Redazione