Cronaca

Videosorveglianza: altri 12 occhi sulla città

LECCE- Lo sguardo dell’impianto di videosorveglianza della città si allarga. Sono iniziati i lavori di ampliamento con l’installazione di altre 12 telecamere, che si aggiungono alle 23 già esistenti. È possibile grazie all’impiego di alcune economie progettuali rivenienti dal ribasso d’asta del precedente appalto. “Questo risultato rappresenta il giusto riconoscimento di diversi mesi di duro lavoro dell’Assessorato da me presieduto – spiega l’assessore alla Mobilità e Trasporti del Comune di Lecce, Luca Pasqualini– La città di Lecce, infatti, è stata solo una delle sei privilegiate città italiane che è riuscita ad ottenere l’autorizzazione al reimpiego delle somme ed alla celere cantierizzazione dei lavori. Intendo ringraziare, in particolar modo, il funzionario tecnico progettista del settore Mobilità e Trasporti, l’ingegner Carlo De Matteis che, in relazione alla esigua somma a disposizione rispetto all’importo contrattuale del progetto originario, è riuscito a prevedere un cospicuo numero di telecamere sfruttando gran parte della componentistica dell’impianto di recente costruzione (ponti radio, server di trasmissione e sala di controllo delle immagini) e dei cavidotti comunali presenti nel centro storico cittadino”.

Per evitare di distogliere somme ai già limitati importi delle economie progettuali, per l’installazione di un maggior numero di telecamere, sia la direzione dei lavori che il coordinamento della sicurezza saranno effettuati dallo stesso funzionario comunale.

Le telecamere sono installate in prossimità di piazza Sant’Oronzo – dove nell’arco dell’ultimo anno si sono verificati schiamazzi notturni di gente in stato di ebrezza – e soprattutto nei vicoli attigui alla sede del Rettorato dell’Università del Salento dove si è registrato un incremento dell’attività di prostituzione.

Esattamente gli occhi elettronici si trovano:

n°1 in vico Storto della Carità Vecchia (piazza Sant’Oronzo);
n°2 presso la via Sacro Regio Consiglio (piazza Sant’Oronzo);
n°1 in via Dei Figuli;
n°5 in via Quinto Ennio;
n°1 in corte della torre dei Carretti;
n°1 in vico delle Giravolte;
n°1 in piazzetta San Giovanni dei Fiorentini.

Articoli correlati

Colpito dal tronco di un albero muore un operaio dell’Arif mentre spegne un rogo

Redazione

Schianto fatale, muore una donna di 80 anni

Redazione

Malore in piscina, 13enne muore dopo 8 giorni di coma

Redazione

Uragano ai Caraibi, morto un operaio salentino

Isabel Tramacere

Salvataggio in extremis a Nardò. La richiesta: “Serve primo intervento h24”

Paolo Franza

Dopo la rissa nel centro storico scatta la chiusura per 15 giorni di un locale

Redazione