CronacaEventi

Made in Italy da shock: dopo il “ vino “Mafiozo” spunta il “Fernet mafiosi”

BARI- “Fernet Branca”, il liquore a base di erbe realizzato nel 1845 a Milano, è stato riprodotto da un’azienda tedesca e venduto fino ad Israele. C’è solo un piccolo “ma”:  sull’etichetta spicca la scritta “mafiosi”, sotto l’effige di un gangster di profilo. A denunciare l’accaduto un tecnico alimentare italiano Andrea Ricci, 30enne di Martina Franca, che ha scovato una bottiglia tra gli scaffali della “Hetzi Hinam” di Tel Aviv, una delle più grandi e famose catene di supermercati di Israele.

Il “Fernet Mafiosi” è realizzato dalla “Altenburger Destillerie & Liqueurfabrik” di Altenburg, che segue la ricetta italiana , e viene venduto anche online  al prezzo di 8 euro e 50 centesimi.

Purtroppo non è la prima volta che la parola “mafia” vada a braccetto con i prodotti italiani. Qualche mese fa capitò un fatto simile con  le bottiglie di vino “Mafiozo”, recanti in calce all’etichetta, sotto la foto di Lucky Luciano, la dicitura “Salento – Indicazione geografica protetta”. In quel caso intervenne la Regione Puglia e l’Assessore regionale alle risorse agroalimentari, Fabrizio Nardoni in difesa del made in italy.

 

 

Articoli correlati

Giada, il sorriso del Natale

Redazione

Fallimento Mercatone Uno, scoppia la rabbia dei lavoratori

Redazione

Microcriminalità Porto Cesareo, gli esercenti: “Abbiamo paura per noi e per i nostri figli”

Redazione

Di padre in figlio: minacce e violenze verso il socio, due arresti

Redazione

Corto circuito, in fiamme auto di un carrozziere

Redazione

Favori e giustizia. Barca e battute di caccia: la ricostruzione di Carlo Siciliano

Redazione