LeccePoliticaVideo

Da Piazza Ariosto l’affondo di Salvemini ad Adriana Poli Bortone

Dal comizio di piazza Ariosto a Lecce l’affondo di Carlo Salvemini, sindaco uscente e candidato della coalizione di centrosinistra, nei confronti della sfidante Adriana Poli Bortone a cinque giorni dal ballottaggio che metterà la parola fine sul voto amministrativo per Lecce 20/24. In apertura Salvemini ha voluto manifestare la propria solidarietà verso il Parlamentare cinque stelle Leonardo Donno, aggredito appena qualche giorno addietro nella Camera dei deputati, spunto che è poi servito per sottolineare il cima di tensioni, veleni e arroganza cher a suo dire si stanno respirando in questa campagna elettorale. Poi le stilettate, senza giri di parole, all’indirizzo di Adriana Poli Bortone, con l’elenco di tutte quelle che, sempre a quanto affermato dal palco dal sindaco uscente, sono state le vicende giudiziarie che hanno coinvolto l’amministrazione cittadini ai tempi del governo di centrodestra e vale a dire la storia relativa ai BOC, a via Brenta, al Filobus per arrivare alla Lupiae servizi, con nomi e cognomi e intrecci di vario genere. Un fiume in piena, Salvemini, arrivando a rompere gli argini con l’attacco frontale verso Telerama e lo sportello di segnalazione di disservizi e disagi “Dilloatelerama”, a suo dire utilizzato per in maniera strumentale. Poi, finito il lungo affondo, l’accorato appello agli elettori, a quanti in piazza Ariosto lo hanno ascoltato: “La partita non è finita, ha detto Salvemini, vinceremo al ballottaggio, vinceremo insieme, perché siamo tutti candidati”.

Articoli correlati

Mattew Lee incanta il pubblico del secondo evento di Teatini in Musica 2024

Barbara Magnani

Il Lecce e la sua maglia profumano di Salento

Massimiliano Cassone

Nardò Basket, Andrea Pasca vive nel ricordo di chi lo ha amato

Massimiliano Cassone

Lecce, Andrea Pasquino nuovo capogruppo di Fratelli d’Italia

Redazione

Salve, per la prima volta arriva il piano urbanistico generale

Redazione

Lecce, presentazione maglie social

Redazione