Politica

Una squadra per Lecce: Movimento Regione Salento presenta il direttivo

LECCE – Ecco il nuovo direttivo leccese del Movimento Regione Salento: oltre 50 persone che abbracciano tutte le competenze, tutte le professioni, tutti gli interessi e le sensibilità, che affiancano ora il coordinatore cittadino Giancarlo Capoccia. Una grande e variegata squadra che da oggi i leccesi vedranno in giro per la città, in ogni quartiere, ad ascoltare le loro istanze. Nato 12 anni fa, il Movimento Regione Salento è un movimento civico territoriale, contenitore politico della società civile, che non fa riferimento alle alleanze precostituite ma è indipendente.

E, con questo spirito, guarda alle prossime amministrative che si terranno tra due anni.

“Oggi inizia una prima fase, un primo step verso quell’appuntamento ma -sottolinea il presidente Paolo Pagliaro, che ha presentato la squadra- oggi non parte la campagna elettorale, perché noi siamo sempre in campagna elettorale, ma parte un impegno più diffuso e plurale”.

La presentazione è avvenuta nelle sale dell’Hotel Tiziano al cospetto dei coordinatori regionale, Pierpaolo Signore, e provinciale, Francesco Viva. Tutti d’accordo nel sottolineare la marginalità che Lecce ha oggi a livello regionale e nazionale, e nel ribadire tutte le battaglie a difesa del territorio e contro la discriminazione, in primis quella dell’alta velocità che si ferma a Bari. “Il nostro impegno è per una Lecce libera e sicura” ha detto Capoccia, che parla di “una città che va rifondata, revisionata. Troveremo una strada e, se non la troveremo, la costruiremo noi”.

Articoli correlati

Rissa alla Camera: il deputato salentino Donno esce in carrozzina

Redazione

Salvemini: pronti al ballottaggio

Redazione

Pagliaro: “Risultati straordinari ottenuti dal Movimento Regione Salento”

Redazione

La Puglia potrà contare su sei europarlamentari: ecco chi sono

Erica Fiore

Lecce, le ipotesi di composizione del Consiglio comunale

Erica Fiore

Quinto: “La commissione elettorale si trasforma in un seggio”

Antonio Greco