EvidenzaPolitica

Amministrative, un comune pugliese su 5 al voto: sfida tra candidati sindaco

PUGLIA – Saranno cinquanta su 257 i comuni pugliesi che rinnoveranno il consiglio comunale il prossimo 12 giugno, vale a dire il 19,5%. In pratica un comune su cinque andrà al voto. Un test significativo, dunque, per saggiare gli umori e verificare i consensi di partiti e movimenti politici.

Nella Bat riflettori puntati su Barletta dove nella disfida elettorale si ritroveranno uno contro l’altro armati Santa Scommegna, appoggiata da Pd ed Emiliano, Carmine Doronzo (Sinistra italiana e Italia Viva), Maria Carone per i pentastellati e il sindaco uscente Mino Cannito, sostenuto dal centrodestra e dall’assessore regionale Gianni Stea.

Nel barese occhi puntati soprattutto su Bitonto e Gravina, mentre nel foggiano i dodici comuni al voto sono tutti sotto i quindicimila abitanti.

Grande attesa a Taranto, dove è in programma la sfida all’ultimo voto tra il sindaco uscente Rinaldo Melucci, Walter Musillo, Luigi Abbate e Massimo Battista. Il primo cittadino potrà contare sull’appoggio di Pd, Cinquestelle, Più centrosinistra Emiliano, Europa Verde, Taranto Mediterranea, Taranto Popolare, Con Taranto, Socialisti e Repubblicani, Movimento Autonomi e Partite Iva, Taranto Crea e Taranto 2030. Musillo è sostenuto da Fratelli d’Italia, Prima l’Italia (leggasi Lega), Forza Italia, Insieme, Patto Popolare, Patto per Taranto, Noi con l’Itlaia, Movimento Sportivo, Taranto Davvero e At6. Per Battista, ex cinquestelle ora indipendente, ci sono tre liste: Una Città per Cambiare Taranto, Periferie al centro e Taranto città normale, Infine, tre liste anche per Abbate: Taranto senza Iva, Taranto Next Generation e Partito Meridionalista.

A Martina Franca, feudo dell’assessore Domenico Pentassuglia, è saltata l’intesa tra il leader del centrosinistra e la civica Con che fa riferimento al presidente Emiliano, sciolta come neve al sole al fotofinish: alcuni suoi candidati hanno trovato spazio nelle liste Insieme.

Nel brindisino unico comune al voto sarà San Michele Salentino dove si registra una clamorosa impasse del centrodestra incapace di presentare un candidato sindaco: le opzioni Pietro Epifani e Alessandro Tamburrino sono andate in fumo nelle ultime ore. A sfidare Giovanni Alessandrini ci sarà solo Antonio Chiricò.

Nel leccese saranno 16 i comuni al voto. A cominciare da Galatina dove un poker di candidati è pronto a darsi battaglia: accanto al sindaco uscente Marcello Amante, ci saranno l’ex sindaco Sandra Antonica, l’imprenditore Fabio Vergine e il medico Antonio Antonaci. A Galatone, invece, Flavio Filoni tenta il bis ma dovrà fare i conti con l’avvocato Emanuela Settimo De Mitri, la professoressa Annamaria Campa e il docente Sebastiano Zenolini. A Leverano duello tra il sindaco uscente Marcello Rolli e l’avvocato Giovanni Biasi, mentre ad Otranto va in scena il secondo round a distanza di cinque anni tra l’attuale sindaco Pierpaolo Cariddi e Luca Bruni, capogruppo all’opposizione del centrodestra, che questa volta non potrà far leva sul cugino Francesco, in lista con il primo cittadino uscente.

Ad Aradeo sifda tra l’ex sindaco Gerardo Filippo e l’assessore Giovanni Mauro, a Matino Johnny Toma prova il bis contro l’avvocato Luigi Provenzano, a Scorrano sifda a tre tra l’ex sindaco Mario Pendinelli, Fernando Presicce ed Enzo Blandolino, a Melendugno duello tra amministratori: in campo Simone Dima e Maurizio Cisternino, a San Cesario Fernando Coppola è a caccia del bis ma dovrà vedersela contro Fabiana Del Cuore e Giuseppe Distante, ad Ortelle il vicesindaco Edoardo De Luca e Oronzo Caputo si contenderanno lo scettro di sindaco, a Castro ancora di fronte il sindaco uscente Luigi Fersini e Alfonso Capraro; accanto a loro l’outsider Angelo Valguarnera, a Castrignano dei Greci derby tra cugini tra Roberto Casaluci e Vincenzo Casaluci, a Ruffano in lizza il sindaco uscente Antonio Cavallo, il consigliere Massimo Cantoro e l’ex consigliere provinciale Pasquale Gaetani. Corsa a tre anche a Guagnano con Francois Imperiale, Pino Marcucci e Danilo Verdoscia; un poker di candidati invece a Salice Salentino con Vincenzo Marinaci, Cosimo Gravili, Sonia Cuppone e Mimino Leuzzi.

L’ansia è già iniziata per tutti i candidati, eccetto uno, Oronzo Lazzari. Scenderà in campo a San Cassiano senza avversari. Beato lui.

di Antonio Greco

https://www.youtube.com/watch?v=loNjxv-4tAU&t=3s

 

Articoli correlati

Candidati al voto, Poli Bortone al Virgilio e Salvemini al Calasso

Sergio Costa

In preda ai fumi dell’alcol, botte e minacce alla moglie: arrestato

Erica Fiore

Caso elezioni Lecce: solidarietà Assostampa a Telerama

Redazione

Mondo della giustizia in lutto: si è spenta la magistrata Stefania Mininni

Erica Fiore

Lecce, idee per l’attacco

Tonio De Giorgi

Gasparri: “Telerama racconta la verità. Emiliano ha dato incarico a Stefanazzi di intimidire la Prefettura”

Redazione