Attualità

“Complici e colpevoli”, Surbo parla di mafia con il procuratore Gratteri

SURBO – “Sottotraccia, senza suscitare clamore o allarme, dilagando, apparentemente senza freni”.

Così viene descritto il modo in cui serpeggia la ‘ndrangheta, e in generale la criminalità organizzata, con un nuovo modus operandi “borghese”, quello che spesso non ha bisogno di sporcarsi le mani perché può contare su complici illustri tra imprenditori e politici. E così, dalla Calabria, ha conquistato il Nord, infiltrandosi soprattutto in Lombardia, dove investe moltissimo.

L’analisi, con dati interessantissimi, è in “Complici e colpevoli”, l’ultimo libro scritto da una coppia rodata: quella del Procuratore Capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, insieme al giornalista Antonio Nicaso, esperto di storia di ‘ndrangheta e di fenomeni mafiosi.

Gratteri ha incontrato i cittadini di Surbo, ospiti di Don Mattia Murra, nell’auditorium dell’oratorio Santa Maria del Popolo. Il Procuratore viene spesso nel Salento: “La gente ha voglia di ribellarsi e parlare -ha detto- e ha bisogno di trovare persone credibili a cui denunciare”.

Articoli correlati

I turisti tornano a casa: bollino nero per il controesodo, lunghe code in direzione nord

Redazione

Azienda può produrre dispostivi di protezione ma la burocrazia la blocca: appello del sindaco di Lequile

Redazione

Una festa dello sport a Gallipoli: in campo con il cuore…amico

Redazione

Quartieri insicuri, parlano i leccesi: “Abbiamo paura, bene i controlli”

Redazione

Brindisi, Asl valuta ulteriori spazi Covid. Si rafforzano i controlli

Redazione

Scuola: DAD a scelta fino alla fine dell’anno

Redazione