Sport

Azzurri campioni d’Europa, in Inghilterra la regina è l’Italia

Una partita epica a Wembley per la nazionale azzurra di calcio che vince ai calci di rigore con l’Inghilterra e sale sul tetto d’Europa dopo un campionato europeo giocato col vento in poppa, dimostrando di essere squadra, gruppo, dimostrando di meritare questo risultato.

Purtroppo bisogna segnalare un atto irrispettoso e incivile: durante l’inno di Mameli i tifosi inglesi fischiano in modo ignobile.

La partita è combattuta, primo tempo di marca inglese, che passa con Shaw; poi cresce l’Italia e Bonucci pareggia i conti. Non bastano nemmeno i tempi supplementari e si va ai calci di rigore e l’Italia vola per 4 a 3 tra le lacrime di mister Mancini che si commuove e lascia spazio alla parte più vera d’un calcio antico. L’Italia vince in un 11 luglio, proprio come nel 1982 quando diventò campione del Mondo.

Una vittoria meritata in uno stadio strapieno di tifosi inglesi. Una grande soddisfazione e in tribuna il presidente della Repubblicana Sergio Mattarella sorride in tutta la sua compostezza, prima di lasciarsi andare alla gioia. Nello stadio alzano il volume della canzone “un’estate italiana” di Bennato e della Nannini. Coppa al cielo e tricolore al vento. L’Italia può gioire e sognare. In Inghilterra la Regina è l’Italia. E in tutte le città dello stivale esplode la festa, anche a Lecce, nel Salento, trombe, clacson, e caroselli d’auto e fuochi d’artificio hanno colorato una notte veramente magica.

PRIMO TEMPO – L’Inghilterra parte in modo superbo e spinge forte sull’acceleratore e sblocca la gara dopo appena due minuti grazie al magistrale inserimento di Shaw che imbeccato da Trippier con un cross da destra sorprende Donnarumma e manda in visibilio gli inglesi sugli spalti.

La squadra di Mancini fatica molto a ritrovarsi nella prima mezz’ora ma prima della chiusura del primo tempo Chiesa, tra i migliori in campo, ha l’occasione per pareggiare ma la palla sembra stregata. L’Inghilterra poi alza le barricate e difende il risultato con 10 uomini dietro la linea della palla e gli azzurri non riescono a smobilitare le linee inglesi.

Si va negli spogliatoi con gli inglesi in vantaggio per uno a zero.

SECONDO TEMPO – Nel secondo tempo l’Italia inizia col piglio con cui aveva terminato il primo tempo e si riversa in avanti ma la gara cambia tatticamente al 52°: Mancini toglie ogni punto di riferimento agli avversari sostituendo Immobile con Berardi e Cristante entra al posto dell’ammonito Barella. Insigne gioca come falso nueve.

L’Inghilterra va in affanno e gli azzurri martellano e potrebbe pareggiare prima con Insigne e poi con Chiesa ma Pickford si salva. Il gol però è nell’aria e arriva al 67° grazie ad un atto di forza di Bonucci che si avventa sula sfera ribattuta dal portiere sulla conclusione di testa di Cristante e con una zampata gonfia la rete. Uno a uno.

L’Italia spinge ma non riesce a metterla dentro.

SUPPLEMENTARI – Si va ai supplementari. I leoni provano a ruggire, l’Italia si difende, il tempo passa inesorabilmente ma poi gli azzurri chiudono in avanti senza però riuscire a metterla dentro. Non bastano nemmeno i 30 minuti di extra time e quindi a decidere questa finale sono i calci di rigore.

RIGORI – Berardi gol; Kane gol; Belotti parato; Maguire gol; Bonucci gol; Rashford palo; Bernardeschi gol; Sancho parato; Jorginho parato; Saka parato.

Termina 4-3 e l’Italia è Campione d’Europa.

Inizia la festa, il tricolore sventola fiero in terra inglese e in ogni angolo di ogni città, di ogni paese, di ogni borgo italiano.

IL TABELLINO

ITALIA-INGHILTERRA 4-3 d.c.r. (1-1)

MARCATORI: 2′ Shaw, 67′ Bonucci.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson (118′ Florenzi sv); Barella (54′ Cristante), Jorginho, Verratti (96′ Locatelli); Chiesa (86′ Bernardeschi), Immobile (55′ Berardi ), Insigne (91′ Belotti). All. Mancini.

INGHILTERRA (3-4-2-1): Pickford; Walker (120′ Sancho), Stones, Maguire; Trippier (71′ Saka), Rice (74′ Henderson, 120′ Rashford sv), Phillips, Shaw; Mount (100′ Grealish), Sterling; Kane. All. Southgate.

M.Cassone

Articoli correlati

Nuoto, Pilato in forma olimpica. Certezze per i 100 rana

Francesco Friuli

Basket A2, HDL Nardò prepara la stagione delle novità. Smith ai saluti

Massimiliano Cassone

Brindisi FC: tutto tace ma si attendono novità

Massimiliano Cassone

Lecce, idee per l’attacco

Tonio De Giorgi

Nuoto, per la Pilato nuovo record italiano

Tonio De Giorgi

Lecce, continuità e ambizioni

Massimiliano Cassone