Attualità

Ex Ilva, il Tar ordina lo spegnimento degli impianti entro 60 giorni

TARANTO – Ex Ilva, il Tar di Lecce ordina lo stop agli impianti entro 60 giorni. Respinti due ricorsi di Arcelor Mittal e di Ilva in Amministrazione straordinaria contro l’ordinanza firmata dal sindaco il 27 febbraio 2020. Decisivo il ricorso del Comune . La multinazionale annuncia ricorso al Consiglio di Stato

 

Il Tar di Lecce ha respinto i ricorsi proposti da ArcelorMittal e Ilva contro l’ordinanza numero 15 del 2020, firmata dal sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, che imponeva ai gestori l’individuazione e il superamento delle criticità derivanti da fenomeni emissivi dello stabilimento siderurgico, disponendo, in difetto, la fermata dell’area a caldo. Il Collegio stabilisce 60 giorni dalla pubblicazione della sentenza, , perché gli impianti siderurgici ritenuti inquinanti siano spenti.

E l’azienda ha annunciato che promuoverà immediatamente appello al Consiglio di Stato contro la chiusura dell’area a caldo. “In relazione alla sentenza emessa dal Tar della Puglia, ArcelorMittal Italia comunica che promuoverà immediatamente appello presso il Consiglio di Stato contro la chiusura dell’area a caldo dello stabilimento di Taranto”, si legge in una nota diffusa da Arcelor.

Nella sentenza il Tar condanna Arcelor-Mittal Italia, Ilva in As e il Ministero dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare al rimborso delle spese e competenze relative al grado di giudizio in favore del Comune di Taranto, di Arpa Puglia e di Codacons.

Una sentenza considerata storica, accolta con entusiasmo dal sindaco di Taranto Rinaldo Melucci. 

 

 

Articoli correlati

Necessario un tavolo di confronto per affrontare la crisi

Andrea Contaldi

Balzo in avanti del trasporto pubblico durante il G7

Mimmo Consales

Terme di Santa Cesarea,pronto l’accordo: al Comune le quote della Regione. Con un “ma”

Mary Tota

Giornalista di Telerama aggredito, la solidarietà di Saverio Congedo

Redazione

La festa dei Lampioni pronta ad “illuminare” Calimera

Antonio Greco

Terme di Santa Cesarea, l’affondo dei sindacati: “Mancano investimenti e programmazione”

Redazione