Cronaca

Omicidio di via Montello: nel diario di De Marco Daniele è una vittima predestinata

LECCE- A volte scriveva sul suo pc, a volte a mano, sulle pagine di un quaderno con una copertina gialla. Da dicembre sino ad agosto Antonio De Marco, l’assassino reo confesso di Daniele De Santis e Eleonora Manta, lo aveva compilato con pensieri spesso drammatici, raccontando delle sue crisi di pianto, della sua solitudine e della sua voglia di vendetta verso le persone felici.

In quel diario non c’è quindi il racconto delle sue giornate, ma i suoi istinti, anche violenti, e le sue delusioni che sfociavano in una voglia di vendetta per chi, al contrario di lui, conduceva una vita brillante e di successo anche con le donne. Daniele De Santis era ai suoi occhi l’emblema di tutto questo. E nel diario, nel mese di agosto, verso la fine delle pagine, compare il suo nome e la sua figura e lui diventa il possibile destinatario dei suoi istinti omicidi.

La lettura delle pagine del diario è stata ora acquisita agli atti delle indagini. Sarà importante per analizzare la personalità di De Marco che chiuso in carcere presto incontrerà i consulenti nominati dagli avvocati difensori Andrea Starace e Giovanni Bellisario e incaricati di valutare se ci siano le condizioni per chiedere una perizia psichiatrica che ormai sembra comunque certa. Lunedì scorso i due legali hanno incontrato De Marco in carcere per chiedergli, ancora una volta, la massima collaborazione da parte sua.

 

 

Articoli correlati

Rissa alla Camera: il deputato salentino Donno esce in carrozzina

Redazione

Moglie denuncia i maltrattamenti, marito si reca in caserma e viene arrestato

Redazione

Rapina violenta in casa di un’anziana: una condanna e un’assoluzione

Redazione

Lecce, truffa da 67 milioni di euro con i Superbonus 110. Dodici indagati

Mario Vecchio

Cocaina in camera da letto, arrestato un 43enne

Redazione

Azzannata da un cane di grossa taglia, non ce l’ha fatta la donna di 98anni

Redazione