Attualità

CuoreAmico, la carovana della solidarietà continua il tour

LECCE- “Siamo ripartiti perché saremo sempre in movimento fino a quando qualcuno avrà bisogno di noi, perché nessuno deve rimanere indietro“. Così CuoreAmico continua a dispensare speranza e certezza con il tour della solidarietà, quello della carovana che, da quando l’emergenza sanitaria da covid ha messo in ginocchio economicamente migliaia di famiglie, si occupa di distribuire la spesa per chi non può garantire ogni giorno alla propria famiglia un pasto caldo. Prima tappa, Frigole. Si torna da Don Mario Calogiuri, presso la Parrocchia Santa Maria Goretti, per portare un carico di pacchi di generi alimentari raccolti grazie allo straordinario cuore dei salentini.

Dalla marina di Frigole, via a Lecce: don Fernando Doria accoglie la carovana presso la Parrocchia San Vincenzo de’ Paoli. Sarà a lui a smistare i pacchi alle famiglie che ne hanno più bisogno.

Ultima tappa, ma solo per questa giornata, San Cesario. Presso l’Istituto Salesiano Sacro Cuore, i sorrisi di Madre Giandomenica e di Madre Rosemarié ripagano di ogni sforzo.

Testa alta, amore per il prossimo, impegno senza sosta, questo è CUOREAMICO, il braccio operativo di TeleRama per il sociale che vi mostra, con la trasparenza di sempre, ogni consegna. Ed ha ancora bisogno del sostegno di tutti. Partecipate alla raccolta alimentare usando il cc 800 della Banca Popolare Pugliese o effettuando un versamento, usando l’iban IT78H0526216080CC0800000800, con la causale “emergenza coronavirus aiuto famiglie distribuzione alimentare”. Per informazioni e richieste, è attivo il numero 350 0410751.

Articoli correlati

Call center: incertezze su futuro e stipendi, i sindacati proclamano lo sciopero ad oltranza

Redazione

Unisalento, discusse le prime 10 lauree magistrali in presenza

Redazione

Auguri giallorossi a Telerama e ai tifosi

Redazione

Milano, in Pronto Soccorso tra paura e coraggio: “Siete degli angeli”

Redazione

“Salento Food & Sound” premia i “Salentini Doc”

Redazione

Turismo, nel 2020 perse 230 milioni di presenze in Puglia: “Bisogna ripartire”

Redazione