Attualità

De Castris: “Violazioni non penali non siano trasmesse alla Procura”

LECCE- “A seguito dell’emanazione del Decreto Legge del 25 marzo ed in particolare di quanto disposto dall’articolo 5 su sanzioni e controlli che ha meglio definito la natura delle sanzioni conseguenti alla violazione delle misure di contenimento della pandemia da covid 19, le condotte di violazione delle stesse misure, salvo il reato più grave ( ovvero l’ipotesi della violazione della quarantena) non integrano più ipotesi penalmente rilevanti”. Lo scrive ai vari comandi il procuratore della Repubblica Leonardo Leone de Castris. L’art 4 del decreto in questione recita infatti che “non si applicano le sanzioni contravvenzionali previste dall’articolo 650 del codice penale o di ogni altra disposizione di legge attributiva di poteri per ragioni di sanità. Risultano pertanto inapplicabili le violazioni in esame , salvo, appunto per l ipotesi di violazione della quarantena nel solo caso di positività al virus.” La richiesta della Procura della Repubblica, ai vari comandi è quella di disporre che tutte le comunicazioni inerenti la verbalizzazione di illeciti (tranne quelle che costituiscono reato) , “non siano trasmeesese a questa Procura della Repubblica, che conseguentemente – si legge – non prenderà più a carico la comunicazione di Polizia Giudiziaria”.

Articoli correlati

Porsche Nardò. I lavoratori approvano il percorso di Audi-Volksvagen

Redazione

Striscioni e cori sessisti allo stadio: nel mirino la presidente del Gallipoli Football

Redazione

Asi, nominato il commissario: è Pierantonio Cicirillo

Redazione

Ex Ilva: Urso nomina anche Fiori e Tabarelli commissari AdI

Redazione

Festa di Sant’Oronzo, Pala e Finamore: il Comune presenti un programma civile

Redazione

RE-PLAY, per il riuso di edifici di spettacolo antichi

Redazione