Politica

Piconese risponde a Tap: “Il Salento non si fa comprare e lotta se è convinto delle proprie ragioni”

UGGIANO LA CHIESA- Dopo l’aggiornamento periodico ricevuto da tap, in merito alle ultime novità sullo status del progetto e la disponibilità ad un incontro, inviato dal country Manager di Tap Italia, Elia, il primo cittadino di Uggiano La Chiesa Salvatore Piconese risponde: “Una informativa poco esaustiva e incentrata solo sulle strategie tecniche e aziendali della società. Purtroppo nella sua lettera non si fa neppure accenno alle ragioni , politiche e sociali, di una lotta di uomini e donne, che da qualche anno sono mobilitati contro l’approdo del gasdotto Tap a San Foca . Si tratta di una mobilitazione civile di una collettività – prosegue Piconese – che è iniziata a Melendugno, ma che oggi coinvolge l’intera comunità salentina. Lei purtroppo continua a guardare la vicenda Tap da un punto di vista esclusivo e parziale, che impedisce così alla sua coscienza di avere un’idea diversa, inclusiva e capace di leggere la questione nella sua complessità. In lei sono presenti esclusivamente le ragioni dell’azienda. Vorrei invitarla a fare uno sforzo più grande, a porsi qualche domanda in più e ad avere qualche certezza in meno. Quella salentina è una terra che non si fa comprare e che lotta caparbiamente se è convinta delle proprie ragioni”

Articoli correlati

Gasparri: “Telerama racconta la verità. Emiliano ha dato incarico a Stefanazzi di intimidire la Prefettura”

Redazione

Incontro segreto di Emiliano a Lecce: la Poli presenta un esposto in Procura, i Dem vanno dal Prefetto

Redazione

Ballottaggio, incontro “segreto” con vertici Asl e dirigenti medici

Sergio Costa

Centrodestra: “Emiliano chiama alle armi i primari della Asl pro Salvemini”

Sergio Costa

Mrs, due importanti ingressi a Bagnolo del Salento: il vicesindaco Matteo Cutazzo e Martina Cutazzo

Redazione

Poli-Salvemini: i comizi di chiusura in piazza Sant’Oronzo

Sergio Costa