CronacaSport

Misura eccessiva, revocati i domiciliari al tifoso che accese il fumogeno

LECCE- Misura troppo eccessiva, il Tribunale del Riesame revoca gli arresti domiciliari ad Andrea Patarnello, il tifoso 41enne accusato di aver lanciato un fumogeno durante la partita Lecce- Paganese, il 27 settembre scorso. Per lui, solo l’obbligo di presentarsi dai carabinieri in orari e giorni prestabiliti, ma comunque nessun daspo. La decisione del Riesame è stata notificata in queste ore. Eccessivamente gravosa in relazione ai fatti commessi, dunque, l’ordinanza del gip Simona Panzera, emessa sulla scorta delle indagini svolte dalla Digos.

La difesa, affidata all’avvocato Marinella Mazzotta, ha dimostrato che Patarnello non ha lanciato il fumogeno in campo, ma lo ha semplicemente lasciato cadere dalla balaustra a causa del troppo fumo che aveva provocato, una differenza che rileva ai fini dell’intenzione.

Non solo, Patarnello non avrebbe assemblato lo striscione di dieci metri su cui c’era scritto “22.09.14… Fuori gli ultras dalle galere! U.L.”, con il chiaro riferimento all’arresto del noto ultrà napoletano “Genny a carogna”. Anzi, “abbiamo dimostrato – dice il legale – che era un semplice avventore dello stadio, non un ultrà né tanto meno un associato a falange estreme della tifoseria”.

Articoli correlati

Taranto, incendio in un appartamento di via Lago di Monticchio. Intossicato un 16enne

Redazione

SP 72. Vasto incendio di macchia mediterranea: canadair in azione

Redazione

Schianto sulla litornanea: un ferito in ospedale

Redazione

Caveau Bnl, per il maxi furto arrivano le condanne

Redazione

Baroni: “A Pisa parlerà il campo”. Caso Corvino-Grimaldi: sospeso l’agente di Mancosu

Redazione

Vendita di alcol a minori e parcheggiatori abusivi: sanzioni e denunce

Redazione