Politica

Il centrodestra va avanti anche senza Ncd, riunione leccese degli amici di Schittulli

LECCE- Il centrodestra va avanti, il tavolo non è bloccato e lunedì potrebbe esserci uno dei responsabili alfaniani, subito dopo la direzione regionale che terrà Ncd. “La data è da definire, ma sono sicuro che ci saranno anche i rappresentanti del Nuovo Centrodestra”. Francesco Amoruso è ottimista e vuole fare uno sforzo ulteriore per l’unità dell’area moderata. Il coordinatore Regionale di Forza Italia sa che gli scenari sono cambiati e, mentre Sel e Pd sono ai ferri corti, conviene trattare con molta diplomazia con quelli che vengono definiti “alleati naturali”.

“Dopo la direzione che si terrà a Bari decideremo della federazione che si sta creando tra Popolari, Ncd e Udc e poi coinvolgeremo gli altri partiti e movimenti”- spiega Massimo Ferrarese. Sarà proprio coordinatore regionale per il Salento a sedersi al tavolo convocato dai forzisti per trattare su data e regole delle primarie. Intanto, Francesco Schittulli, unico candidato ufficiale in corsa per il centrodestra, supportato da diversi dirigenti forzisti e da una serie di movimenti, continua a lavorare sul territorio. Nelle scorse ore, gli amici di Schittulli si sono ritrovati all’Hilton di Lecce: i responsabili del movimento di Schittulli hanno fatto un appello all’unità per ridare entusiasmo a tutto il centrodestra. Aldo Aloisi, consigliere regionale di Forza Italia ha dichiarato il suo appoggio al presidente della Lilt e ha messo in campo anche il suo movimento Azzurro Popolare. Invitato anche il Movimento Regione Salento, con il quale Schittulli dialoga già da tempo.

I responsabili del movimento neoregionalista incontreranno anche gli altri candidati alle primarie del centrodestra, ma apprezzano la condivisione di Schittulli sui temi del neoregionalismo e sulla regione Salento. Il presidente della Lilt, infatti, anche in un precedente incontro con Pagliaro, ha sostenuto l’idea di due vicepresidenti regionali, uno per l’area salentina e l’altro per quella nord barese, e anche la necessità di riequilibrare i territori superando il baricentrismo.

“Abbiamo ricevuto garanzie già da tempo dal presidente Schittulli – ha detto Pagliaro – è necessario puntare su un riequilibrio dei territori, ancor di più ora che Bari diventerà città metropolitana. La Regione, ancor di più in questo momento, ha un ruolo strategico: deve dare maggiore attenzione al Salento, anche in vista della nascita di Bari città metropolitana, è necessario puntare su un programma che miri a eliminare il gap infrastrutturale”.

Ancora una volta Pagliaro ha fatto l’elenco di tutte le esigenze che ha il Salento: dalle infrastrutture, all’ambiente, alla crisi economica, alla sanità, e che richiedono un intervento deciso e urgente da parte del futuro presidente della Regione.

Il Movimento Regione Salento considera importante la lista del Presidente Schittulli, perché attrae il mondo dei moderati, la società civile e tutto quell’universo di liberal – democratici, per andare oltre ai partiti tradizionali. Altro passaggio importante è stato quello delle primarie. Pagliaro ha riportato l’esperienza leccese, che è stata vincente, ma ha chiesto regole nuove che garantiscano la maggiore partecipazione e coinvolgimento possibile dell’elettorato di centrodestra, andando oltre gli apparati e i potentati dei partiti.

Articoli correlati

Nominati gli assessori, ecco chi subentra in Consiglio Comunale

Sergio Costa

Lecce, Andrea Pasquino nuovo capogruppo di Fratelli d’Italia

Redazione

Prima riunione della giunta Poli Bortone

Sergio Costa

Salve, per la prima volta arriva il piano urbanistico generale

Redazione

Brindisi – in attesa di FDI una Giunta a sette…

Mimmo Consales

La lista civica di Siculella si trasforma in “Mind – Menti Indipendenti”

Redazione