Cronaca

Archinà e Liberti restano in carcere

TARANTO  –  Il Tribunale del Riesame di Taranto ha rigettato i ricorsi finalizzati alla scarcerazione dell’ex dirigente dell’Ilva Girolamo Archinà e dell’ex Preside del Politecnico di Taranto Lorenzo Liberti, arrestati il 26 novembre scorso, nell’ambito dell’inchiesta denominata ‘Ambiente svenduto’ riguardante l’Ilva di Taranto e parallela all’inchiesta-madre per disastro ambientale.

I Giudici hanno depositato il solo dispositivo dell’ordinanza, riservandosi il deposito delle motivazioni.

Archinà è attualmente in carcere, mentre Liberti è ai domiciliari. Ad entrambi, in particolare, viene contestato un episodio in atti giudiziari.

Secondo l’Accusa il 26 marzo 2010, Archinà avrebbe consegnato in una stazione di servizio a Liberti una busta contenente la somma di 10.000 € in contanti per ‘ammorbidire’ una relazione che il docente universitario, all’epoca anche consulente della Procura, avrebbe dovuto elaborare sulle fonti dell’inquinamento atmosferico della città.

Articoli correlati

Timone bloccato, barca a vela in avaria: salvati 68 migranti

Antonio Greco

Bambine molestate durante la lezione di equitazione: condannato istruttore

Paolo Franza

Intercettato veliero carico di migranti diretto a Santa Maria di Leuca

Paolo Franza

Week end di controlli lungo la costa, sanzioni per 11mila euro

Redazione

Si fingono dipendenti Enel per truffare anziani, bloccati dalla polizia locale

Barbara Magnani

Bimba si smarrisce in spiaggia: ritrovata in tempo record dalla polizia

Redazione