Evidenza

Amina in cella senza cibo nè acqua, i genitori: “sta male”. Madre in Procura

LECCE- Dall’Italia, papà Sergio ha notizie della sua ragazza, appena maggiorenne dalla madre Asema che riesce a raggiungerla e a vederla quasi ogni giorno ma per appena 15 minuti. Detenuta in una situazione al limite, in una struttura senza acqua potabile, la donna le porta acqua e cibo.

In queste ore la madre con la quale Amina era partita in Kazakistan da Lequile per andare a trovare la nonna, si recherà in Procura. Mentre si attende il prossimo 9 novembre per sapere quale sarà la sua sorte , se (per un tempo che sarà stabilito a breve) rimarrà ancora in detenzione preventiva o se le saranno almeno concessi gli arresti domiciliari. Già richiesti per ben due volte, ma sempre rifiutati.

Intanto cresce anche la preoccupazione per la salute della 18enne, che continua a dimagrire, è depressa e per ben due volte ha tentato il suicidio.

 

Articoli correlati

Agguato in centro a Taranto, colpi di pistola contro un uomo

Redazione

Minori adescati sul bus e molestati: autista condannato a 9 anni

Erica Fiore

Agosto si congeda con acqua e grandine

Redazione

Omicidio falegname Castrì, i tre arrestati interrogati dal Gip: contenuto top secret

Redazione

Puglia in rosso rafforzato: ecco l’ordinanza

Redazione

Tragico epilogo per l’uomo scomparso: Marcello ritrovato in fondo al mare a Santa Caterina

Redazione