Attualità

Lo scontrino delle polemiche: 1 euro in più per una crepe divisa

LECCE- Sembra essere la moda del momento pubblicare sui social gli scontrini di una cena o un semplice aperitivo nei ristoranti, giusto per commentare prezzi alti o meno. Ma ora si è aggiunta un’altra novità: sembra infatti che anche a Lecce si paghi il servizio per dividere del cibo ordinato.

Proprio come successo alcune settimane fa a Como, dove è scoppiata la polemica per aver pagato  2 euro in più  per aver chiesto di  dividere a metà un toast. La storia quindi si ripete, o meglio si sposta  nel Salento, dove  sul gruppo Facebook di Vivere Lecce si è accesa una polemica tutta salentina.

Come si può notare dalla foto dello scontrino, emesso (si legge) da un noto bar/gelateria di piazza S’Oronzo a Lecce, su un totale di 26.80 euro, 19.60 sono stati spesi per 7 caffè in ghiaccio con latte di mandorla, 1,70 per un caffè macchiato, mentre 4,50 euro per una crepe alla nutella a cui si aggiunge 1 euro per aver chiesto di dividerla.

Inutile dire che la foto ha generato una cascata di polemiche. Diversi infatti i commenti su questo servizio in più: c’è chi lo comprende, chi lo critica e chi invece sposta l’attenzione sui 2.80 spesi per un caffè leccese, reputandolo decisamente caro.

Inoltre c’è da dire che la mancanza del nome del bar, cancellato dall’utente, mette qualche dubbio sulla credibilità della foto e soprattutto sul luogo indicato.  Ma al di là di questo punto interrogativo, la dicitura relativa al servizio “diviso” non piace ai consumatori, secondo i quali la situazione sembra che stia degenerando: “presto -dicono- bisognerà portarsi appresso anche un coltello da casa per procedere al fai da te!”.

Articoli correlati

Addio a Riu, il “gorilla triste” di Fasano

Redazione

Presentato alla comunità di Salve il Piano urbanistico generale

Redazione

Polizia locale, controlli straordinari per garantire la sicurezza

Barbara Magnani

Palazzo Carafa “Aperto alle emozioni”: “Benvenuti a casa vostra”

Barbara Magnani

Incontro del MRS, Pagliaro: “Terme punto focale del futuro del territorio”

Barbara Magnani

Screening gratuiti di Confesercenti Brindisi: informazione e formazione

Andrea Contaldi