Cronaca

Il furto di rottami scatena un duplice tentato omicidio, fermato un pensionato

TARANTO- Nel vedere quei due uomini che avevano caricato sul motocarro dei rottami che erano nel suo casolare, non ci ha pensato due volte. Ha impugnato la pistola e ha sparato. Con l’accusa di duplice tentato omicidio, è stato fermato Quintino Pisanello, 68 anni, di Carosino. Su di lui pendono anche le accuse di detenzione e porto abusivo di armi da sparo.

Il fatto risale al giorno di San Valentino ed è avvenuto in contrada San Giovanni, a San Giorgio Jonico. In mattinata, i carabinieri del comando provinciale di Taranto hanno eseguito il provvedimento di fermo emesso dalla Procura.

Le indagini erano da subito state indirizzate nei confronti del pensionato, perché nella sua disponibilità era il casolare adiacente al luogo in cui si è sfiorato l’omicidio. Lì sono stati ritrovati veicoli provento di furto, un fucile a pompa con colpo in canna in perfette condizioni di funzionamento e munizioni di vario calibro.

Il 68enne che, tra l’altro, ha già alle spalle un precedente simile (un tentato omicidio ai danni di un consanguineo), il 14 febbraio scorso, stando alla ricostruzione fatta dall’Arma, aveva sorpreso un 45enne e un 36enne mentre caricavano a bordo del loro Apecar dei rottami ferrosi, prelevati nei pressi di quel casolare. Ha esploso contro di loro diversi colpi ferendo con due proiettili una delle vittime e cercando di ferire l’altra, riuscita a sfuggire all’agguato e successivamente resasi irreperibile.

 

I carabinieri, giunti sul posto, hanno ritrovato subito la pistola, una Beretta in dotazione alle Forze di Polizia risultata provento di furto nella provincia di Lecce nel 2011. Come detto, i sospetti si sono subito indirizzati su Pisanello, che ha fatto perdere le proprie tracce nei giorni successivi. La pressione dei carabinieri anche su parenti e conoscenti, però, lo ha portato a consegnarsi alla giustizia.

Ora è nel carcere di Taranto, in attesa dell’interrogatorio di garanzia che il gip fisserà per i prossimi giorni.

Articoli correlati

Dai vigili del fuoco l’allarme al Prefetto: “mancano mezzi e personale”

Redazione

L’allarme dell’Antimafia: “Boom di droghe sintetiche e turismo sorvegliato speciale”

Erica Fiore

Spaccio e boss che “dominano” dietro le sbarre: DIA, il primo report del 2023

Erica Fiore

Rissa all’esterno della discoteca: 5 denunce

Redazione

Taranto, sparatoria Tramontone: la svolta

Redazione

Perder il controllo della propria auto e distrugge il “Cristo in Croce”

Redazione