Maxifurto di rame a Cerano, altre tre denunce

minerva

BRINDISI- Maxi furto di cavi di rame a Cerano, altri tre brindisini sono stati denunciati con l’accusa di aver attivamente partecipato sia alla fase di pianificazione che di successiva attuazione del piano finalizzato al furto dei 12 quintali di rame dalla centrale termoelettrica. Il fatto risale all’aprile scorso: nel corso dell’evento, i tre erano riusciti a sottrarsi alla cattura, mentre era stato tratto in arresto solo Angelo Andriulo, 56enne di Brindisi, sorpreso alla guida di un autocarro con oltre 600 metri di cavi in rame, per un valore di 30mila euro.

Concitate le fasi della cattura, l’arrestato alla guida del mezzo, inseguito dai Carabinieri, ha terminato la corsa in un canale di scolo. I complici, anche grazie all’oscurità, erano riusciti a dileguarsi per le aree circostanti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*